“Santa Rosa e i Viterbesi”, un saggio antropologico del dottor Antonio Riccio

Il  testo del libro di  Antonio Riccio antropologo culturale è dedicato al sentimento contemporaneo dei viterbesi  per quella che è la loro patrona Rosa. Si compone di due saggi scritti in periodi diversi, per occasioni diverse, ,che descrivono come viene vissuta e interpretata  la “patronalità” di santa Rosa a Viterbo, anche nei suoi aspetti più impliciti, affettivi, cognitivi e volitivi. Il primo saggio descrive come il complesso festivo è cambiato e si è trasformato pur mantenendo identità e tradizioni; il secondo associa la festa, antagonista e autonomo rispetto a quello calanderiale ad un vero e proprio capodanno locale. Peso, forza, partecipazione civica, costruzione dell’appartenenza e del sentimento della località sono le tradizionali topiche antropologiche che troverete nel testo perché il trasporto di una macchina a spalla è divenuto Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità, un prodotto del genio immaginifico e della devozione viterbese. L’autore Antonio Riccio ha collaborato con il comune di Viterbo e la “Rete Italiana per la Grandi Macchine a Spalla”per la candidature del Trasporto della Macchina di santa Rosa a patrimonio immateriale Unesco. Un libro non solo per i viterbesi ma anche per quei visitatori amanti di Viterbo che vogliono conoscerne il significato della storia intriso dal valore di una  tradizione immutata nei secoli (editrice Caravella)

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI