Riserva naturale Monte Rufeno e Slow Food Lazio insieme per valorizzare i prodotti di “Natura in Campo”

I legumi dell’alta Tuscia, il miele del Monte Rufeno, l’olio extravergine di oliva biologico, la patata dell’Alto Viterbese, i dolci delle tradizioni, i vini: sono alcuni dei prodotti della Riserva Naturale Monte Rufeno inseriti nel progetto “Natura in Campo” che sarà presentato domenica 1 e lunedì 2 agosto a Torre Alfina nel corso dell’evento organizzato con la collaborazione di Slow Food Lazio.

Il Marchio “NATURA IN CAMPO – i prodotti dei parchi” ha tra le proprie finalità quella di incentivare e qualificare la produzione dei prodotti agroalimentari dell’acquacoltura e forestali nonché quella di diffondere e promuovere modalità di coltivazione, di allevamento e di trasformazione rispettosi dell’ambiente e ispirati a criteri di sostenibilità ambientale. Viene concesso alle aziende agricole (in forma individuale o societaria), ai consorzi, alle cooperative che ricadono in territori in cui sono presenti aree naturali protette e aree della Rete Natura 2000, e che possiedono definiti requisiti così come previsti dallo specifico Disciplinare. Lo stesso Disciplinare definisce le condizioni e le modalità d’uso del marchio di certificazione “NATURA IN CAMPO – i prodotti dei parchi”.

Per far conoscere e valorizzare queste eccellenze e l’ambiente in cui sono prodotti l’evento “Natura in Campo: ambiente, enogastronomia e musica” propone: escursioni nella Riserva Naturale Monte Rufeno e nel Bosco del Sasseto; visite guidate al Museo del Fiore e al Castello di Torre Alfina, incontri e convegni sui prodotti di “Natura di Campo” e sul turismo slow; presentazioni di libri, il mercato dei prodotti di Natura in Campo; i laboratori del gusto sull’olio, sul vino e sullo storico gelato della Gelateria Sarchioni,; show cooking con i prodotti di Natura in Campo; la buona musica del Torre Alfina Blues Festival.

L’iniziativa  è inserita nell’ambito del cartellone “Parchi del Lazio. L’estate comincia qui”, proposta dalla Regione Lazio attraverso gli assessorati alla Transizione ecologica e Trasformazione digitale e all’Agricoltura, foreste, promozione della filiera e della cultura del cibo, pari opportunità. Si ringraziano per la collaborazione: Comune di Acquapendente, Pro loco di Torre Alfina, FISAR Viterbo, Castello di Torre Alfina, Museo del Fiore, Coop. “L’Ape Regina”, Ecomuseo Alta Tuscia e del Paglia e Torre Alfina Blues Festival.

Di seguito il programma dettagliato dell’evento a Torre Alfina  dove si invita a prenotare quanto prima sul sito www.slowfood.it/lazio essendo i posti contingentanti, come previsto dalle normative vigenti del piano Covid-19 per trascorre una giornata in sicurezza.

L’evento sarà ripetuto domenica 29 agosto nella Riserva naturale  Posta Fibreno (FR).

Per informazioni, aggiornamenti e prenotazioni: www.slowfood.it/lazio

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI