Ricevimento dei cittadini, un dovere per il sindaco Arena

Ascoltare i cittadini. Un dovere del sindaco e una forma di rispetto da parte delle istituzioni. La pensa così Giovanni Maria Arena che già da giorni ha iniziato a ricevere nella sala Rossa di Palazzo dei Priori tutti quei viterbesi che hanno l’esigenza di segnalare situazioni, proporre idee e suggerire soluzioni. “Come promesso in campagna elettorale – spiega Arena – sto dedicando questo primo periodo da sindaco alla messa a punto della macchina amministrativa del Comune. Proseguirò anche nei mesi di luglio e agosto, e finché ce ne sarà bisogno”. Si sofferma poi sul ricevimento del pubblico. “Ritengo sia una forma di rispetto verso i miei concittadini. Per questo ho intenzione di dedicare almeno un giorno a settimana a tutti quei viterbesi che non hanno santi in paradiso e che vogliono parlare con il sindaco dei problemi e delle difficoltà che devono affrontare tutti i giorni. Ho già iniziato lo scorso lunedì pomeriggio. Non ho certo la bacchetta magica per fornire una soluzione alle tante persone che stanno richiedendo appuntamento, viterbesi e non, ma le ascolterò. Il dialogo deve essere alla base del rapporto tra istituzioni e cittadini. Una considerazione logica, ma non sempre scontata. Ho notato che molti cittadini sono rimasti positivamente sorpresi – ha aggiunto il sindaco -. Si era forse un po’ persa l’abitudine di ricevere periodicamente e con frequenza il pubblico. Insieme all’intera giunta vogliamo dare un segnale di vicinanza e attenzione ai cittadini. Le problematiche dei viterbesi saranno i nostri campanelli di allarme. E su quelli lavoreremo per dare risposte utili e concrete alla cittadinanza”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI