Porte aperte in fattoria , visite nelle aziende viterbesi

Il 3 giugno la Filiera Latte del Lazio propone percorsi gratuiti per scoprire il mondo del latte con visite nelle aziende delle province di Rieti e Viterbo.

Domenica 3 giugno, in occasione della seconda tappa degli appuntamenti di primavera con “Porte aperte in fattoria”, la Filiera Latte del Lazio propone visite guidate e degustazioni per immergersi nel mondo del latte alla scoperta delle aziende agricole delle province di Rieti e Viterbo.

Grandi e piccoli avranno l’opportunità di scoprire da vicino il ciclo di produzione del latte, un alimento importantissimo ma allo stesso tempo poco conosciuto nei suoi processi produttivi. Oltre alla visita, quiz e momenti interattivi renderanno l’apprendimento ancora più piacevole, insieme alla degustazione di latte, ricotta, formaggi, mozzarelle e altri prodotti locali, che vengono realizzati ogni giorno nelle fattorie dei territori interessati e in quelle di tutta la regione.

In provincia di Rieti le visite coinvolgeranno quattro location diverse, per un totale di quasi 900 posti disponibili: l’Azienda agricola Campogelato di Rieti, l’Azienda agricola biologica Casale Nibbi di Amatrice, l’Azienda agricola Biancucci di Castelnuovo di Farfa e l’Azienda agricola “Della Chiesa Giulia” di Poggio Mirteto.

In provincia di Viterbo le aziende ospiti sono tre, per un totale di 720 posti a disposizione: la Società agricola Aldo ed Enrico Bruni e l’Azienda agricola Vita Maria Rosa di Sutri, l’Azienda agricola Felice Colognesi di Gallese.

La regione Lazio è il quarto produttore industriale italiano di latte fresco e una delle regioni in cui la domanda rimane più alta. Il progetto di filiera è stato ideato congiuntamente da tutti i principali attori della produzione e della trasformazione per rafforzare ulteriormente questa tipicità, offrire informazioni chiare al consumatore e impegnare le aziende agricole aderenti all’adozione di standard uniformi e superiori alle norme di legge in materia di requisiti sanitari, benessere animale e certificazione zootecnica. Il progetto Filiera Latte del Lazio è sostenuto da cooperative di produttori, aziende della trasformazione e organizzazioni professionali agricole. Ne fanno parte la Centrale del Latte di Roma, Fattoria Latte Sano, Ipa Latte di Nepi, Centrale del Latte di Rieti; le principali cooperative di raccolta latte in rappresentanza di 450 aziende agricole con capofila la Cooperativa Romana Latte; Cia-Agricoltori Italiani Lazio, Coldiretti Lazio, Confagricoltura Lazio, Copagri Lazio, con il sostegno di Unindustria Sezione alimentare e della Regione Lazio.

“Queste iniziative di comunicazione alimentare sono molto importanti perché permettono di far conoscere ai consumatori una filiera di produzione e trasformazione che rappresenta un’eccellenza e una tipicità della nostra regione – afferma Federico Sannella – Presidente della Sezione Alimentare di Unindustria in qualità di portavoce del progetto, aggiungendo – oggi il consumatore è diventato molto più attento riguardo alla tracciabilità e alla provenienza degli alimenti. Pochi sanno che la filiera del latte concentra nel Lazio le zone di produzione e trasformazione nell’arco di poche decine di chilometri, favorendo l’alta qualità del prodotto fresco e di tutti i suoi derivati. Questo progetto crea quindi un prezioso spazio di condivisione tra produttori e consumatori”.

Porte aperte in fattoria è un’iniziativa gratuita organizzata dalla Filiera Latte del Lazio, in collaborazione con più di 20 aziende agricole che hanno aderito all’iniziativa in tutto il Lazio. Le visite si svolgono di domenica, in forma di percorso guidato della durata indicativa di un’ora, con turni di prenotazione dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00.

La prenotazione è obbligatoria e permette di selezionare l’azienda nella quale svolgere la visita. È possibile prenotare compilando il form sul sito www.filieralattelazio.it/visite.
La procedura telematica di prenotazione permette di conoscere l’indirizzo esatto delle aziende aderenti all’iniziativa e di selezionare l’allevamento più comodo compatibilmente con le disponibilità di posti residue.

Partecipano all’appuntamento del 3 giugno di “Porte aperte in fattoria” le aziende:

• Bruni Enrico e Aldo Società Agricola S.S. – Via Nepesina Snc, Sutri (VT);
• Vita Maria Rosa – Strada Provinciale 84 – Km 3,1 (via Sutrina), Nepi (VT);
• Colognesi Felice – Strada Monticello 2, Gallese (VT);
• Azienda agricola Campogelato – Via Campogelato 4, Località Piani Di San Filippo – Rieti;
• Azienda Agricola Biologica “Casale Nibbi Di Nibi Francesco” – Località Casale Nibbi, 1 Amatrice (RI)
• Azienda agricola Biancucci – Località Colle Spadone 50, Castelnuovo Di Farfa (RI)
• Della Chiesa Giulia Pm; Via Sant’Angelo 10, Poggio Mirteto (RI)

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI