Nicola Zingaretti in visita al nuovo consultorio della Cittadella della salute

Nella mattina di sabato 20 gennaio il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, accompagnato dal direttore della Asl di Viterbo, Daniela Donetti, ha visitato la nuova sede del consultorio di Viterbo, entrata in funzione dallo scorso 3 di gennaio al piano 0 della Cittadella della salute di Viterbo.

I locali destinati al servizio territoriale, ampi e funzionali, garantiscono la piena attuazione del decreto regionale 152 del 2014, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di favorire il lavoro e la collaborazione multidisciplinare degli operatori: le ostetriche, i ginecologi, le infermiere, le assistenti sociali, i pediatri e gli psicologi.

Il trasferimento del Consultorio dalla vecchia sede di via Cardarelli a via Enrico Fermi, inoltre, viene incontro all’esigenza di centralizzare le attività non ospedaliere presenti nel capoluogo in un’unica struttura, la Cittadella della salute, nella quale sono presenti servizi essenziali per i cittadini quali, ad esempio, l’Ambufest, il poliambulatorio, la medicina legale, il centro diabetologico, la farmacia, il distretto, il Punto unico di accesso e il Cup, il Disabile adulto, la Neuropsichiatria infantile.

La nuova sede è stata pensata anche per rendere più semplice l’accesso dei cittadini agli otto percorsi consultoriali previsti dalla Regione Lazio: il percorso nascita, il percorso della salute psico-fisica del bambino 0-1 anno, il percorso di screening oncologico del cervico-carcinoma, il percorso di assistenza per la donna che richiede l’interruzione volontaria di gravidanza, il percorso adozione, “Non aver paura” il percorso di interventi di contrasto alla violenza di genere, il percorso della salute sessuale e riproduttiva, il percorso giovani.

Nella struttura è presente anche un Baby pit stop, il secondo alla Asl dopo quello avviato nella hall di Belcolle, realizzato nel rispetto delle indicazioni fornite da Unicef Italia.

Per il nuovo consultorio di Viterbo, la Regione Lazio, nell’ambito della rete per la Salute della Donna, ha stanziato un finanziamento di circa 164mila euro che saranno destinati al potenziamento delle attività e alla dotazione di nuove e moderne strumentazioni.

Il servizio è aperto dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13, e il martedì e il giovedì pomeriggio, dalle 15 alle 17. Due sono i numeri telefonici dedicati: lo 0761237062, per l’accoglienza e le informazioni sui servizi, e lo 0761237050, per l’accettazione vaccini.

Nel corso della visita di oggi, al presidente Zingaretti è stato presentato anche il progetto Percorso Nascita 4.0: la piattaforma informatica che, a partire dal mese di febbraio, sarà operativa presso la Asl di Viterbo e che consentirà l’informatizzazione dell’intero percorso nascita aziendale, con l’obiettivo di renderlo più dinamico, prossimo ai bisogni di salute della donna e del neonato e interattivo, attraverso l’utilizzo dei più comuni devices di comunicazione (pc portatile, smartphone, tablet). Il progetto rispecchia quanto contenuto nelle linee regionali volte alla costruzione di una sanità vicina ai cittadini.

Percorso nascita 4.0 è una cartella clinica elettronica condivisa con gli operatori e la stessa gestante/genitori che permette anche il monitoraggio a distanza dei dati clinici, di laboratorio e strumentali della mamma e del neonato.

Al fine di garantire al 100% la continuità assistenziale, il progetto mette in comunicazione tra di loro tutti i soggetti interessati: il territorio, con i consultori e i distretti, l’ospedale, con il reparto di ostetricia, e la donna.

La piattaforma è stata sviluppata anche con l’obiettivo migliorare la qualità dell’offerta attiva dei servizi per la futura mamma e per costruire insieme a lei un percorso personalizzato nel momento in cui giunge in Consultorio per ritirare la sua agenda di gravidanza e per condividere e prenotare tutte le attività previste nel percorso nascita (le 3 ecografie, il Bitest, il Can, il bilancio di salute alla 37a settimana, la prevenzione del disagio psichico perinatale e il sostegno all’allattamento al seno). Tutte informazioni che saranno condivise con la donna in maniera interattiva e attraverso gli strumenti informatici di uso quotidiano.

La stessa gestante potrà partecipare attivamente al percorso attraverso un automonitoraggio, potendosi rivolgere in chat agli operatori in caso di necessità o integrando la propria cartella clinica informatizzata attraverso l’invio di documentazione clinica. Tutto ciò produrrà una facilitazione della comunicazione clinico assistenziale e la creazione di una rete dinamica composta dai servizi ospedalieri, territoriali e dalla donna, anche attraverso un sistema di sicurezza che consente di attivare gli alert per gli operatori (come ad esempio nelle gravidanze a rischio), e quindi i servizi appropriati, oltre che la ricezione delle notifiche dal sistema informatico sull’evoluzione del percorso nascita e sui feedback inviati dalle gestanti.

Tutta l’organizzazione del sistema si basa sulla creazione e sul funzionamento delle centrali operative, con le strutture territoriali (i consultori), che gestiscono il sistema informatico, il primo accesso, l’assistenza alla gravidanza, il trasferimento delle cartelle cliniche in altre strutture e gli appuntamenti per le ecografie, e con le 3 centrali operative distrettuali che garantiscono l’offerta attiva e le schede di monitoraggio. Nel sistema le strutture ospedaliere sono preposte a gestire l’ambulatorio della gravidanza a rischio, il bilancio di salute e la degenza. Infine, la supervisione, nel suo insieme, spetta alla centrale operativa PN4.0 che riceve le notifiche di tutte le strutture e rileva le anomalie nella gestione dell’assistenza e negli aspetti organizzativi, occupandosi anche della formazione degli operatori, della modifica degli orari e delle sedi dei servizi e del monitoraggio delle performance.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI