Nel nuovo Dpcm un ‘Mini lockdown natalizio’

Il premier Giuseppe Conte ha illustrato giovedi sera le norme in vigore dal 4 dicembre al 7 gennaio, l’attenzione si concentra su quelle che sono le misure restrittive messe in atto nelle prossime festività. Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, e nelle giornate del 25 e del 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 è vietato altresì ogni spostamento tra comuni, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

A Capodanno il coprifuoco sarà in vigore dalle 22 del 31 dicembre alle 7 del primo gennaio, a differenza degli altri giorni in cui è dalle 22 alle 5.

“Sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute”. Dicembre ha ribadito il premier dev’essere il mese che ci fa mettere in sicurezza il Paese senza fare un lockdown nazionale. Da qui a 15 giorni tutta Italia o gran parte d’Italia sarà gialla, pensiamo a restrizioni puntuali per il periodo delle feste che non ci fanno allentare i nostri comportamenti. Il 7 gennaio il Paese ripartirà, incrociando una grande campagna di vaccini».L’altra nota lieta è che dal 7 gennaio ci sarà il ritorno in classe con didattica a distanza al 75% e nelle università tornano le lauree in presenza e potranno svolgersi in presenza gli esami, oltre alle lezioni solo per un ridotto numero di studenti e per le matricole.

Foto:profilo social premier Giovanni Conte

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI