Michele Placido fa il pienone al teatro dell’Unione

Gran pienone per Sei personaggi in cerca di autore al teatro dell’Unione. Il testo di Luigi Pirandello ha visto Michele Placido nei panni di attore e regista sul palco del teatro viterbese. Molto applaudite la madre Guia Jelo e la figliastra Dajana Roncione.

«È la mia passione per tutto quello che è pirandelliano che mi porta ad accettare la sfida. – aveva dichiarato Michele Placido, in un’intervista per il Teatro stabile di Catania – Questa è la mia terza regia teatrale su un testo del Girgentano, dopo “Così è se vi pare” e i due atti unici “La carriola” e “L’uomo dal fiore in bocca”. In passato ho girato un film “La scelta”, tratto dalla novella e dalla pièce “L’innesto”, incentrato sulla violenza che una donna subisce. Anche in Sei personaggi è presente una forma di violenza molto ambigua, attuata dal Padre nei confronti dell’umile moglie che pure ha amato e gli ha dato un figlio, ma con la quale ha poco da condividere sul piano intellettuale».

Un testo che riporta sulle scene temi attuali quali il femminicidio, le morti bianche o anche l’impossibilità di un legame sentimentale, dovuta all’alienazione dell’uomo contemporaneo. La richiesta dei Personaggi che irrompono sulla scena, inserendosi tra gli attori di una compagnia, coincide con la richiesta del palco di accogliere la rappresentazione. Nella lettura di Placido, quella “commedia da fare” è un inno al teatro che mai abdica alla propria missione. E il regista porta con sè in questo esibizione il sogno che un palcoscenico possa sorgere laddove prima esistevano giardini, fontane, piccole ville. Luoghi in cui poteva accadere la storia che racconteremo, la storia dei Sei personaggi.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI