“L’Olio e la produzione olearia in Roma antica” al CEDIDO

Nel programma delle iniziative culturali promosse da Archeotuscia onlus nel mese di gennaio è prevista per venerdì 20 alle ore 17.00, la presentazione alla Sala del CEDIDO a Palazzo dei Papi a Viterbo in piazza San Lorenzo,del libro di Vincenzo Allegrezza dal titolo. “L’Olio e la produzione olearia in Roma antica”.

“L’olio di oliva è oro puro non solo per il nostro tempo moderno, ma già in antico, nei tempi antichi degli Etruschi e dei Romani, gli alberi di ulivo erano sottoposti all’attività connessa all’estrazione dell’olio. Questo è l’argomento su cui pone una lente d’ingrandimento Vincenzo Allegrezza, ma non solo. L’autore ci racconta in quale modo Etruschi e Romani gestivano la produzione dell’olio d’oliva (sia dal punto di vista dei dati archeologici che attraverso le fonti di carattere giuridico), ma l’autore dà anche voce alla disperazione, che noi dalle fonti antiche percepiamo, dei piccoli imprenditori. Fu infatti mentre attraversava l’Etruria che Tiberio Gracco decise di intraprendere quella sua carriera politica rivoluzionaria che noi conosciamo, proponendo un programma politico a favore di una classe di romani impoveriti e di piccoli agricoltori autoctoni”
L’ingresso è libero. Per informazioni.: archeotuscia@gmail.com

L’Autore:
Vincenzo Allegrezza, nato nel 1970, si è laureato in Giurisprudenza discutendo la tesi “La villa agricola in Età Repubblicana” (corso in “Istituzioni di Diritto Romano”). Divenuto discepolo del compianto Prof. Feliciano Serrao, si è impegnato nello studio delle fonti giuridiche romane e archeologiche del territorio di Civitavecchia. Ha collaborato con università ed istituti italiani e stranieri. Il suo interesse si è incentrato soprattutto sui mezzi di produzione oleari romani. Ha realizzato numerosi articoli e saggi tra cui l’ultimo dei quali edito dall’Accademia dei Georgofili di Firenze.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI