L’effetto Covid: chiude la pizzeria Pinsa Romana in via della Cava

Hanno provato a ripartire ci hanno sperato,tanto è che l’otto maggio la foto di una bella pizza pronta per la consegna a domicilio, si univa a un post che diceva espressamente : “Grazie per il vostro ordine, insieme ce la faremo”. Poi ancora il 20 maggio: “Cari clienti ci siete mancati, siamo tornati aperti a pranzo e a cena tutti i giorni”.Sino ad arrivare ai nostri giorni, e alla comunicazione della chiusura dell’attività. Pinsa Romana è una pizzerie con una varietà innumerevole di gusti, sita in via della Cava a Viterbo, il centro della città, la parallela di via Matteotti che conduce a piazza della Rocca. Cinque anni di storia e tanti tipi di pizza, ma sempre più scarsa l’affluenza con le misure di distanziamento. Una filosofia di gestione che ha messo in prima regola l’essere sempre pronti per rendere un servizio variegato nei gusti e ricco nella qualità, un servizio che aveva alti i costi di gestioni a discapito di un incasso che per equilibrare il regime di spesa ha bisogno di altra forza , di altri numeri che una piccola attività come questa non ha più. La volontà di spingere al massimo con la consegna del prodotto non ne ha cambiato la sorte.
Fino alla decisione amara, in quanto nel momento in cui l’attività è stata avviata puntava su un progetto proiettato nel futuro che vedeva una rivalutazione del centro storico. Il coronavirus è stato solo l’epilogo di una situazione che già di per sé era in forte sofferenza.E l’ultima chiamata in causa dai parte dei gestori è per l’amministrazione comunale di Viterbo.

Il messaggio postato da i gestori da Pinsa Romana loro profilo social che dice questo:

Con immenso rammarico è dispiacere PINSA ROMANA vi comunica la CHIUSURA della nostra attività.Salutiamo tutti i nostri affezionati clienti che sono stati i nostri unici sostenitori ,visto che nostro malgrado,il comune di Viterbo ci ha aiutati solo per raggiungere una chiusura bocciando la nostra richiesta di suolo pubblico presentata regolarmente e con tutta la documentazione necessaria e accettarla invece a delle attività che la utilizzano solo per mettere dei vasi ;vorrei dire caro comune che questa dopo un periodo di Covid e di emergenza economica e sanitari così a fatto crollare la nostra piccola impresa familiare ,privandoci della possibilità di aumentare anche se di poco i già bassissimi incasssi che non ci permettono di sostenere tutte le spese che noi abbiamo per garantire al nostro cliente la qualità e la là professionalità che ci hanno sempre distinto nel viterbese…comunque vorrei ringraziare ancora i nostri affezionati clienti che ci sono stati vicini con l’augurio che le cose cambino e che un giorno tornino a mangiare la nostra Pinsa Romana !!!!
Ce l’abbiamo messa tutta ma tu,tu Comune di Viterbo ci hai fatto Chiudere. @ Pinsa Romana.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI