Le eccellenze della Tuscia in mostra a San Pellegrino in Fiore

Olio, vino, formaggi, farina, legumi, pesce di lago, birra, tartufi, lumache, salumi, dolci alle nocciole, confetture, lavanda. Ma anche prodotti di artigianato artistico con lavorazioni in ceramica, ferro, legno e tessuto. Sono queste le eccellenze della Tuscia presenti a San Pellegrino in Fiore in piazza del Plebiscito a Viterbo. in un vero e proprio villaggio con casette in legno in cui 28 produttori espongono e invitano alla degustazione fino a lunedì 1° maggio. L’iniziativa si inserisce nel fitto programma di Piacere Etrusco. Arti e sapori della Tuscia”, organizzato dalla Camera di Commercio Viterbo in collaborazione di Unioncamere Lazio finalizzata a promuovere li prodotti tipici a Marchio Tuscia Viterbese, soprattutto tra i turisti.

“San Pellegrino in Fiore – dichiara Domenico Merlani, presidente dell’Ente camerale – è una manifestazione da tempo inserita nel calendario degli appuntamenti turistici che maggiormente attraggono visitatori nella nostra città. È un piacere passeggiare tra le vie e piazze di Viterbo arredate da motivi floreali e cogliere le espressioni piacevolmente sorprese di persone proveniente da ogni parte d’Italia. È il segno evidente di un cambiamento avviato da tempo, rispetto al quale comunque c’è ancora tanto da fare per migliorare la cultura dell’accoglienza. In tal senso aver previsto l’allestimento di una mostra–mercato in una piazza importante come quella dove si affacciano i palazzi del Comune e della Provincia, dove i turisti possono ammirare e degustare quanto di buono questa terra produce, significa offrire la possibilità di dare a tutto tondo l’immagine di questa provincia, consentendo loro di portare con sé un po’ di Tuscia e offrire un motivo piacevole per ricordarsi di questa vacanza e magari tornare”.

Le aziende del Marchio Tuscia Viterbese che espongono sono: Bell’Ornato, Mastro Cencio, Birrificio Itineris, Ceramica Artistica Cirioni Anna, Ceramica è Fantasia, Cimina Dolciaria, Cose di Macchia, Creazioni Daniela, Cristiano Monzillo, Debora Castelli, Esclusivi Ferri Forgiati, Fattorie Solidali, Lago Vivo, Lamponi dei Monti Cimini, Le Moline, Luna Laura, Marabui, Maremmaintuscia, Papalino, Pian di Vico, Piancardo, Podere dell’Arco, Radichino – Fratelli Pira, Salumificio Coccia Sesto, Sapori di Ieri, Sensi , Trebotti Vini Bio, Valentini Alberto Bio.

Nel villaggio di “Piacere Etrusco” è anche posizionata un’area laboratorio gestita da Slow Food Viterbo e Tuscia rivolta essenzialmente ai bambini, in cui i produttori a turno presentano i loro prodotti e lavorazioni.

“Abbiamo inserito in questa mostra-mercato – prosegue Merlani – uno spazio specifico per i bambini in cui possono scoprire e sperimentare un rapporto diverso del cibo e sulla trasformazione dei prodotti. SI tratta di un percorso di educazione alimentare che abbiamo avviato in forma sperimentale nei giorni scorsi attraverso degli incontri tenuti dagli esperti di Slow Food dedicati alla Dieta mediterranea e alle produzioni locali, che hanno visto la partecipazione di circa 250 bambini delle scuole elementari Carmine, Canevari e Fantappiè. Un passo importante per far crescere la consapevolezza che il benessere deriva anche da un cibo sano e da una dieta equilibrata, tutti ingredienti di cui la nostra provincia è ricca”. www.tusciawelcome.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI