La Via degli Artisti, successo di una manifestazione espressione libera dell’arte

“Via degli Artisti” una idea quasi per gioco grazie ad una conversazione con Sandra, gestrice del bar Happiness, ha preso forma ed ha luogo in via Saffi a Viterbo un evento basato sull’ amore dell’arte e per la propria città.e per un giorno il 2 giugno, festa della Repubblica, la via crocevia del quadrilatero centrale di Viterbo è divenuta una Saint-Paul de Vence, borgo francese che è divenuto il villaggio degli artisti. Il patrocinio del Comune di Viterbo e la collaborazione con la Proloco di Viterbo, hanno permesso all’associazione spontanea di Cittadini “Puliamo Viterbo” di dar luogo a questa bella iniziativa autogestita e a costo zero.
Tutti i partecipanti hanno iniziato a chiedere dalle 11, un’ora dopo l’inizio dell’estemporanea, un altro appuntamento. Zoccolo duro della manifestazione sono stati gli studenti dell’Orioli a cui va il merito di rispondere ad ogni iniziativa artistica che la città e non solo propone, guidati dai professori: Cinzia Pace, Stefania Fieno, Antonio Triventi ed Elena Ioppi. L, officina creativa “Arte in Bottega” di via della Pila di Francesca ed Elena ha portato due gruppi di giovanissimi artisti, la mattina hanno disegnato ed il pomeriggio hanno creato bambole. A queste figure istituzionali si sono aggiunti i maestri Rolando Di Gaetani e Riccardo Sanna, ma anche moltissimi amatori che hanno deliziato se stessi prima che i fortunati visitatori.
I commercianti, dal ristorante l’Archetto all’Antico Caffè di via Saffi, agli estremi opposti della via, hanno reagito entusiasticamente all’iniziativa. Molti dei commercianti hanno tenuto aperto nonostante la giornata festiva. Non è certo possibile deliziare tutti ma questa volta si e’ andati vicinissimo. Per dirla con Jovanotti “che bello è quando c’è tanta gente e ‘l’aarte’ ci far star insieme”.
Integrazione fra razze, discussioni fra generazioni, il maestro De Gaetani ha piacevolmente interagito con i giovanissimi artisti — passione e curiosità, tutto ha trovato modo di coesistere in armonia.
Grazie a chi ha permesso di usare l’ufficio come deposito per cavaletti e arte, grazie ai bar per il supporto logistico. Ed è così che Sabato 2 giugno tutto ha funzionato con il proposito da parte di tutti fi un nuovo appuntamento a Ottobre per un’altra uscita e alla prossima Primavera per una nuova edizione.
Il resto si vedrà siamo già a buon punto il cantiere è partito e la Via degli Artisti potrà divenire un’espressione libera dell’arte da svolgersi in modo permanente.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI