Istituto Orioli: una festa europea con gli studenti di Malta, Polonia e Turchia

Proprio mentre a Firenze l’agenzia nazionale ha dato il via alla celebrazione dei trenta anni dell’Erasmus, all’istituto Orioli ha debuttato la mobilità italiana del partenariato europeo “Truly Independent”, con una festa internazionale che ha coinvolto gli studenti dell’istituto e gli ospiti venuti da Malta, Polonia e Turchia.
I giovani “figli dell’Europa unita”, come li ha chiamati la Preside Simonetta Pachella nel suo discorso di apertura, hanno ascoltato i rispettivi inni nazionali e, su richiesta della Dirigente, hanno intonato anche l’europeo “Inno alla Gioia”. La festa è continuata sulle note di canzoni classiche della musica italiana, come “O sole mio”, magistralmente interpretata da Janaira, una studentessa dotata di una straordinaria voce lirica, e altre canzoni straniere, fino a chiudere con “Imagine”, abilmente duettata da Sara e Marika.
Gli studenti hanno dato prova di autonomia e organizzazione, preparando un buffet d’eccezione con specialità dolci e salate tipiche del viterbese, ma anche interpretando il ruolo di guide per far conoscere l’istituto agli ospiti stranieri. I momenti ludici sono stati intervallati dalle attività didattiche del progetto. Nel pomeriggio, dopo il cortese saluto dell’Assessore Delli Iaconi in Sala Regia, si é svolto il primo dei laboratori previsti per acquisire competenze di “saper fare gelati&cioccolato”, presso l’Antica Latteria della famiglia Zena. I maestri dell’azienda, Roberto, Stefano e Alessandro hanno coinvolto i ragazzi in laboratori pratici di fabbricazione del gelato e dei prodotti con il cioccolato, che sono terminati con una degustazione a base dei prodotti appena realizzati.
Come d’abitudine la scuola del fare è in piena attività presso l’istituto Orioli, un luogo multiforme dove educare i ragazzi fa da sempre rima con crescere cittadini europei autonomi, consapevoli e capaci.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI