Interventi straordinari per lo sviluppo economico del litorale laziale

E’ stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio (Burl) un bando da 10 milioni di euro (fondi regionali) per riqualificare e rendere più piacevoli accessibili e sostenibili le aree costiere del Lazio.
Il bando è rivolto ai 24 Comuni litoranei (per Roma, il Municipio X), che potranno partecipare singolarmente o anche in forma associata.
Nel quadro del “Piano degli interventi straordinari per lo sviluppo economico del litorale laziale” e previsto dall’art. 41 della legge regionale n. 26 del 2007, il bando prevede la possibilità per gli enti locali di vedersi attribuire un contributo regionale per un massimo del 90% del costo dei progetti presentati, con l’importo concedibile che sarà compreso tra un minimo di 500 mila euro e un massimo di 3 milioni di euro.
E’ inoltre prevista una riserva di 1 milione di euro per Ponza e Ventotene, Comuni insulari cui viene riconosciuto un valore unico da un punto di vista naturalistico, ambientale, e culturale.
Diversi gli interventi che possono essere inseriti nei progetti, con un’impostazione generale orientata a promuovere l’innovazione e l’ecosostenibilità; si va, a titolo di esempio, dal recupero archeologico e architettonico di monumenti, alla realizzazione di piste ciclabili, aree pedonali, parcheggi di scambio e aree verdi, fino a l’installazione di impianti di videosorveglianza, Wi-Fi e di colonnine di ricarica per auto e bici elettriche, realizzazione e riqualificazione degli arredi urbani utilizzando materiali ecocompatibili, installazione di impianti di illuminazione energeticamente efficienti.
Inoltre, per quanto riguarda specificamente gli arenili, potranno essere realizzati varchi di accesso, eliminate barriere architettoniche e realizzate strutture innovative ed ecosostenibili per l’assistenza, la sicurezza e il primo soccorso come postazioni S.O.S. informatizzate, servizi igienici predisposti per il riutilizzo del ciclo delle acque, fontanelle pubbliche, strutture dedicate alla raccolta di bottiglie e contenitori riutilizzabili ecc. Particolare attenzione verrà data ai progetti che vedono il coinvolgimento di università e centri di ricerca.
Il bando rimarrà aperto 90 giorni a partire dal 9 gennaio, con scadenza per l’invio delle domande l’8 aprile alle ore 12.
Le domande devono essere inviate, alla Regione Lazio, “Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up, Lazio Creativo e Innovazione” – Direzione regionale per lo Sviluppo Economico, le Attività Produttive e Lazio Creativo – Area “Economia del Mare” – Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 – 00145 Roma, con la denominazione “Presentazione di proposta di intervento: Avviso pubblico L.R. 28 dicembre 2007, n. 26 art. 41 (triennio 2019/2021) all’indirizzo PEC areaeconomiadelmare@regione.lazio.legalmail.it, oppure consegnate a mano alla Regione Lazio – Servizio Ricezione corrispondenza (stesso indirizzo).

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI