In cammino sulla Via Clodia, dal passato verso il futuro

Nella Tuscia esiste un borgo, che si appoggia saldamente sulle rupi che emergono dalle gole dei fiumi e non lascia immaginare che nel basso ventre di questa “fortezza” si apre un alveare di caverne e cantine un tempo tombe e poi abitazioni, oggi trasformate in odorosi tinelli per frequenti riunioni e brindisi tra amici.
La continuità degli ambienti e i loro riusi rendono il tutto un vero e proprio museo a cielo aperto. Il lento procedere dalla civiltà pre-etrusca alla nostra, è visibile sui volti della gente e nelle abitazioni del centro storico, spaccato in due da una sorta di decumano, dove si infilava un tratto della vecchia via Clodia in arrivo da Roma e diretta ad altri importanti centri etruschi come Tuscania e la Toscana stessa.

Stiamo parlando del borgo di Blera che non è un posto come un altro almeno per quanto riguarda la ricchezza di memorie storiche e, se sono tanti i motivi per invitarvi a conoscerla, la somma di questi stimoli può essere condensata in un unico appello emozionale: venite a immergervi nel cuore delle forre, dentro la storia e fuori dal tempo!

Conosceremo Blera nel suo intimo come non lo abbiamo mai fatto in precedenza con due escursioni che ci faranno conoscere il cuore di questo antico borgo.
L’occasione è il progetto della Regione Lazio “Eventi delle Meraviglie” che l’amministrazione comunale ha fatto proprio organizzando gli eventi “Aspettando Natale” con l’intenzione di attivare tutte le risorse del territorio per offrire ai visitatori quanto di meglio questo territorio esprime.

Il Comune di Blera insieme ad Antico Presente hanno organizzato due escursioni di mezza giornata con pranzo finale nel borgo e sorprese per tutti i partecipanti. Le escursioni sono GRATUITE mentre per i pranzi (facoltativi e a pagamento in strutture convenzionate) vi sarà un menu fisso con proposte veramente imperdibili. Un’esperienza piena, rotonda, come crediamo debba essere inteso il turismo ai nostri giorni, ma soprattutto accompagnata da una persona del luogo che ne conosce i più intimi segreti.

L’immersione nel territorio da intendere nel senso letterale e fisico ma anche, metaforico.

PROGRAMMA

SABATO 13 FEBBRAIO percorso della via Clodia, tra ponti, leggende e la Cava Buia.
La via Clodia è un antico tracciato stradale romano realizzato su un’esistente percorso etrusco. La via, usata prevalentemente a scopi commerciali, metteva in comunicazione i principali centri che da Roma arrivavano fino alla Toscana, passando per Cerveteri, Manziana, Blera, Norchia e Tuscania, tra molte stazioni termali e strade che scorrono tra le forre e gole dei fiumi ed a volte in profonde e monumentali tagliate (come la Cava buia di Blera) progettate e scavate nel tufo da abili menti e mani etrusche.

Il percorso permette di attraversare e rivivere un paesaggio storico di estrema bellezza sulle orme dei viaggiatori, degli eserciti e dei mercanti di ogni epoca. Raramente, come in questo caso, la storia può essere ri-percorsa così a fondo tra tratti di basolati superstiti, i ponti ancora in piedi, porzioni del tracciato all’ombra di buie tagliate stradali incassate nel tufo; e scoprire il borgo medioevale, le numerose aree sepolcrali etrusche – romane o le chiese disseminate lungo il suo tracciato ed incorniciate da una natura integra e generosa.

Come moderni fruitori verranno attraversate le testimonianze più importanti, per godere appieno delle stratificazioni storico-paesaggistiche attraversate, e raccontate, dalla Via Clodia. Verrà percorso il tratto che passa da Blera scendendo lungo il fiume Biedano. Si visiterà il luogo della città antica, le necropoli etrusche, ben tre antichi ponti (della rocca, della fontanella e del diavolo), la torretta medioevale con la Chiesa di S. Sensia, e  percorreremo per intero la Via Cava di Blera, meglio conosciuta come Cava Buia.

Per completare la conoscenza del territorio e dei suoi prodotti è imperdibile un menù sfizioso proposto da due giovani blerani nel loro locale IDO PIZZA, consumato con affaccio sulla forra e realizzato interamente da loro con esclusivi prodotti di aziende locali. Il tutto include un supplì allo zafferano, focaccia sale, rosmarino e olio extravergini di oliva, panino casereccio con impasto di Pinsa romana farcito con hamburger di carne maremmana, formaggi e verdure; assaggi di altri formaggi con miele; patate fritte chips con pecorino, pepe e tartufo nero scorzone nostrano; acqua, caffè e dolcetti della casa inclusi prezzo: €15,00.

DOMENICA 14 FEBBARIO 2021 visita all’Anello della rupe, necropoli e vie cave iniziando con la discesa della Valle del Rio Canale, tra la città dei vivi e la città dei morti, quasi una calata agli inferi che obbliga all’attraversamento dell’impianto di depurazione (un purgatorio?) ma che tuttavia conduce a una delle aree archeologiche meno conosciute, quasi inedita per noi, di grande interesse e bellezza.

In questa parte del percorso si riesce comunque a comprendere il concetto “urbanistico” che ha regolato la formazione della città dei defunti etrusca: le tombe a tumulo arcaiche sono  nella parte più alta del pianoro, mentre i monumentali sepolcri cubici – le famose tombe “a dado” – occupano il naturale piano inclinato della rupe tufacea disponendosi su ordini paralleli sovrapposti, collegati da gradinate e ornate di preziose modanature.

Si proseguirà attraverso un’azienda agricola che, seguendo la tradizione locale, ha investito sull’allevamento delle vacche maremmane, dalle lunghe corna e con caratteristiche specifiche per vivere questi ambienti. Un antico sentiero porterà alla necropoli rupestre di Pian del Vescovo e, percorrendo l’antica via Clodia si farà ritorno nel borgo.

Al termine si potrà mangiare un menù proposto dal Fenix Bistrot composto da un primo e un secondo a scelta e acqua al costo di €12,00 a persona: Primi: Stratti (pasta fresca con acqua e farina, tirata come spaghetti più spessi) al tartufo o amatriciana, Fettuccine al ragù, Lasagna ai carciofi. Secondi: Costine di maiale con cicoria ripassata, torta rustica con cicoria e mozzarella, gateau di spinaci.

Escursione a cura di Antico Presente

Guide
Sabrina Moscatelli, Guida Turistica Abilitata e Guida Ambientale Escursionistica iscritta nel registro nazionale A.I.G.A.E. e Giuseppe Di Filippo Guida Ambientale Escursionistica iscritta nel registro nazionale A.I.G.A.E.

Dati tecnici
I percorsi di facile/media difficoltà hanno una lunghezza di 7 km circa, dislivello 150 mt circa. Durata 3 ore e mezza.

Appuntamento
Sabato 13  e 14 febbraio 2021 alle 9.30 in Piazza Papa Giovanni XIII Blera, davanti al ristorante La Torretta.

Equipaggiamento
Abbigliamento sportivo, scarponcini da trekking, acqua e DPI. Utili i bastoncini.

Condizioni
Prenotazione obbligatoria entro l’11 febbraio, alla quale si riceverà conferma sulla disponibilità.

Quota individuale
L’escursione è gratuita si pagherà solo il pranzo (facoltativo).

Informazioni e prenotazioni
Sabrina 339.5718135 – info@anticopresente.itwww.anticopresente.it

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI