Imprese della Tuscia in aumento dello 0,7%

Dall’analisi settoriale emerge che tra l’anno 2018 e l’anno precedente, si evidenzia una stabilità nell’agricoltura, che rappresenta il 31,3% del totale delle imprese. Le attività manifatturiere, che costituiscono il 5,5% del totale delle imprese registrate, subiscono ancora un lieve calo pari al -0,9%, mentre dopo anni di contrazione ha raggiunto la stabilità le costruzioni, che rappresentano il 13% circa del totale delle imprese. In leggero calo anche il settore del commercio con un -0,2%, che pesa per oltre il 20%, così come i trasporti, -2%. Positiva la crescita per le attività immobiliari +2,8%, mentre sono stabili le attività finanziarie ed assicurative.

Prosegue il rafforzamento delle attività dei servizi di ricettività e ristorazione, +3%, con il 6,3% del totale delle imprese. In crescita anche i servizi di informazione e comunicazione +8%, e il noleggio e agenzie di viaggio +0,8%. Aumentano la propria base imprenditoriale anche le attività artistiche e di intrattenimento (+2,9%) e le attività professionali e scientifiche (+2,8%), anche se il peso economico di questi comparti è molto marginale rispetto al contesto economico provinciale.

Per quanto riguarda la forma giuridica, si registra una contrazione delle ditte individuali dello 0,7%, che passano dal 63,2% del 2017 al 62,4% del 2018, con una buona crescita al contrario delle società di capitali del +6,6% che dal 17,8% passano al 18,8% del totale. In calo le società di persone, -0,37%, in termini percentuali; stabili le altre forme.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI