Il giardino La Serpara inaugura nuove opere d’arte

Il 19 e 20 maggio torna l’evento annuale del giardino La Serpara.

Come ogni anno, il giardino di sculture La Serpara organizza un evento speciale in cui inaugura nuove opere d’arte che entrano a far parte della collezione.

Quest’anno sono tre i nuovi artisti invitati da Paul Wiedmer a realizzare opere permanenti per il giardino: Carmine Leta, James P. Graham e Ettore Le Donne. I tre artisti, in maniera diversa, riflettono sul rapporto con la natura, realizzando sculture e installazioni che attivano un dialogo sinergico con il paesaggio, inserendosi ognuna in un punto diverso del giardino.

Carmine Leta realizza una scultura in ferro in cui ingrandisce a dismisura la sua impronta digitale, proponendo una riflessione su identità e identificazione, James P. Graham si focalizza sul rapporto tra naturale e artificiale, piantando un melo all’interno di una gabbia metallica e dunque attivando un gioco di rapporti di forza e di equilibri che varieranno nel corso degli anni. Ettore Le Donne infine, installa un suo lavoro ai margini di un bambuseto, una superficie metallica incisa e segnata da pattern e segni astratti, come relitto di un altro mondo, di un’altra dimensione.

Le opere vanno ad ampliare il già ricco e articolato percorso del giardino, oggetto lo scorso anno di una pubblicazione che ha fatto il punto sui venti anni della storia di questa realtà.

La Serpara è un giardino privato della famiglia Wiedmer che, dal 1997, ha scelto di aprire periodicamente al pubblico questo incantevole luogo nei pressi di Civitella d’Agliano e che, nel corso degli anni, è diventato un punto di riferimento importante per i giardini d’artista a livello internazionale.

La due giorni di apertura propone diversi appuntamenti: dal talk di presentazione delle opere a concerti e visite guidate. L’associazione culturale La Serpara, che organizza l’evento, come ogni anno mette a disposizione un servizio navetta gratuito dal centro del paese per raggiungere il giardino.

La Serpara

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI