I Nenets. Incontro con il fotografo Enrico Barbini al Caffè letterario di Colle Diana

“Le renne sono la nostra casa, il nostro cibo, il nostro calore, i nostri mezzi di trasporto e il nostro futuro. La terra è tutto per noi. Tutto …”. Così parlano i Nenets, abitanti della tundra siberiana oltre il circolo polare artico. Sono gli unici abitanti della penisola Yamal – che nella lingua locale significa “fine del mondo” – caratterizzata da un suolo permanentemente ghiacciato e da una natura dura, ostile.

A raccontare al Caffè letterario di Colle Diana questa meravigliosa ed interessante esperienza sarà il fotografo Enrico Barbini, che di recente ha fatto un viaggio in quelle latitudini ed ha conosciuto da vicino I Nenets. L’appuntamento è per domenica 12 gennaio, alle ore 17,30.Primo appuntamento dell’anno del Circolo Letterario di Colle Diana a Sutri.(Ingresso libero)

Popolazione nomade che vive unicamente dell’allevamento delle renne, i Nenets si spostano frequentemente durante l’anno, sempre alla ricerca di nuovi pascoli per i loro animali. Pascoli costituiti quasi esclusivamente da licheni che le renne trovano scavando sotto la neve con il muso o le zampe anteriori.

Durante l’inverno i loro accampamenti sono insediati nella parte meridionale della penisola Yamal per sottrarsi, almeno in parte, alle condizioni ancora più rigide dell’inverno artico che anche qui si fa comunque sentire, con temperature che raggiungono spesso i -40° e con bufere di neve che rendono particolarmente difficili gli spostamenti e le normali attività quotidiane.

Sono organizzati secondo i paradigmi della società tradizionale con suddivisione dei compiti per sessi. Alle donne spetta la gestione delle tende (i “chum”) la preparazione del cibo e l’accudimento dei bambini. Gli uomini si occupano delle mandrie di renne, della pesca e della caccia, quando necessaria come forma di sussistenza integrativa. Così da sempre. Con poche concessioni alle modernità.


L’Autore

Enrico Barbini, laureato in scienze sociologiche, inizia a dedicarsi alla fotografia nel 1989 con una reflex a pellicola. La sua formazione, inizialmente autodidatta, nel tempo è proseguita con frequenza di corsi avanzati e specialistici, presso qualificate scuole di fotografia. Negli anni ha preso parte a diversi workshop tematici con importanti ed autorevoli esponenti della fotografia italiana ed internazionale. Ha esposto in mostre personali e collettive e partecipato a numerosi concorsi fotografici vincendo più volte e con buone affermazioni in genere. Molte sue fotografie e articoli di reportage sono state pubblicate sia in Italia che all’estero e in particolare sulle più diffuse e importanti riviste fotografiche italiane quali “Fotografare”, “Fotografia REFLEX”, “Digital Photographer” o in autorevoli siti come National Geographic e Nikon Italia. Da alcuni anni si dedica soprattutto ai reportage di viaggio e foto di natura e paesaggio.

Appuntamento alle 17.30 in via di Ronciglione Km 2800 – Sutri – presso il Centro Sportivo Colle Diana.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI