Harry Potter e i doni della morte – Parte 2, un boom di ascolti

L’ultimo capitolo della serie cinematografica di Harry Potter: l’ottavo film, con cui si conclude la trasposizione per il grande schermo dei sette libri scritti da J.K. Rowling, andato in onda martedì 7 aprile in prima serata dalle 21.25 su Italia 1, e in streaming in contemporanea alla diretta televisiva su Mediaset Play ha segnato il record di ascolto sui programmi della serata..
La cavalcata trionfale della saga di Harry Potter, riproposta in queste settimane di quarantena da Italia1, si è conclusa con la vittoria nella gara degli ascolti tv. Harry Potter e i doni della morte parte II ha infatti registrato il 16,67% di share media con 4,748 milioni di spettatori, migliorando la prima parte del giorno prima, quando aveva fatto il 16,44% con 4,622 milioni.
Diretto nel 2011 da David Yates, Harry Potter e i doni della morte – parte 2, tratto come il precedente dall’ultimo volume della saga letteraria, prende il via quando Harry, Ron ed Hermione organizzano un furto alla Gringott, la banca dei maghi, dove è nascosto uno degli Horcrux rimasti. Benché lo recuperino sono costretti a fuggire, e lo fanno in grande stile, liberando un drago dalle segrete della banca. Ed è in sella al drago che si dirigono ad Hogwarts, pronti a distruggere gli ultimi due Horcrux rimasti e sconfiggere definitivamente Lord Voldemort che radunerà nella scuola tutto il suo esercito scontrandosi contro gli studenti e l’Ordine della fenice. La battaglia finale ha così inizio, portando con se i caduti e le straordinarie rivelazioni conclusive, per culminare con il duello definitivo fra il ragazzo che è sopravvissuto e il signore oscuro. Nessuno dei due può vivere se l’altro sopravvive.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI