Grancini (FdI): “Scuole: la situazione è tutt’altro che rosea. Chiedo al Presidente Nocchi un intervento immediato”

Riceviamo e pubblichiamo:

Riaprono le scuole e la situazione per gli studenti, per i docenti e per il personale ATA è tutt’altro che rosea.
Veniamo da oltre un anno di pandemia, dall’esperienza, da più parti contestata per efficacia, della DAD e, sebbene sia nota a tutti da tempo la data di riapertura delle scuole, nulla nel frattempo è stato fatto per mettere in sicurezza chi nella scuola, a diverso titolo, trascorre gran parte della propria giornata, a cominciare da bambini e ragazzi.
Siamo a due giorni dall’inizio dell’anno scolastico e come se nulla fosse ci ritroviamo senza aule sufficienti e, soprattutto, con i problemi strutturali di cui abbiamo più volte sollecitato la soluzione che sono di là dall’essere risolti.
Però leggiamo sulla stampa locale di mirabolanti finanziamenti e di altrettanto mirabolanti interventi, fatti o in corso.
Questa mattina mi sono recato personalmente a fare un sopralluogo presso il Liceo Scientifico Paolo Ruffini, uno dei plessi più grandi della provincia.
Ho riscontrato la forte preoccupazione della dirigente scolastica per la mancanza di spazi adeguati, per le segnalazioni non raccolte e per gli interventi più volte sollecitati e ad oggi senza risposta.
Chiedo al Presidente Nocchi un intervento immediato perché almeno si tamponi l’emergenza aule e si programmino, con ragionevole certezza, gli interventi necessari a superare stabilmente l’attuale urgenza.
Invito chi amministra la cosa pubblica a suon di dichiarazioni, di realizzare quanto dichiarato nei tempi e nei modi consoni.
L’annuncite è una vecchia malattia della politica da cui ci auguriamo guariscano presto tutti coloro che ne sono affetti.
E in Provincia sono molti.

 

Gianluca Grancini capogruppo provinciale Fratelli d’Italia

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI