Giunta al termine la sperimentazione sull’Educazione Emotiva in alcune scuole della Tuscia

School Empathy Project, la sperimentazione sull’Educazione Emotiva nelle scuole primarie “P. Fedi” di Vitorchiano e “S. Canevari” di Viterbo, sta volgendo al termine.
Il 25 maggio il personale dell’Università de L’Aquila eseguirà sui bambini che hanno partecipato attivamente al progetto e sui bambini del gruppo di controllo il terzo ed ultimo prelievo salivare.
Successivamente, in collaborazione con l’Ateneo ‘Federico II’ di Napoli, i rispettivi laboratori, tra cui il CEINGE BIOTECNOLOGIE AVANZATE di Napoli, processeranno e metteranno a confronto gli enzimi prodotti dagli alunni per verificare quanto abbia inciso il metodo della Didattica delle Emozioni️ nel produrre “benessere” a livello psicobiologico ed epigenetico.
I risultati sono attesi per giugno/luglio e diffusi, probabilmente, attraverso un convegno dedicato alla sperimentazione all’inizio del prossimo anno scolastico.
Nel frattempo si concluderà anche la serie di incontri con i genitori, una vera e propria “Scuola per genitori” che, visto il successo, potrebbe essere replicata anche successivamente.
Mercoledì 25, alle ore 17.30, presso la Sala Consilare del Comune di Vitorchiano, la dott.ssa Rosanna Schiralli terrà l’ultimo incontro con i genitori degli alunni del gruppo sperimentale sul tema: “Che rabbia quando si arrabbia! Come gestire capricci, provocazioni e conflitti dei nostri figli con il metodo dell’Educazione Emotiva”.
L’intero programma sperimentale, lo si ricorda, è coordinato dal team di psicologi di Viterbo della dott.ssa Rosanna Schiralli: Ulisse Mariani, Mariagrazia Mari, Martina Pontani.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI