Giornate FAI d’Autunno al Borgo fantasma di Celleno

Nel weekend di Sabato 13 e Domenica 14 Le Giornate dei Fai ci portano al Borgo fantasma di Celleno a scoprire la magia di un luogo pieno di fascino. Una intera giornata dalle 10 alle 16.
Ingresso a contributo libero.
Il programma disposto dal FAI sezione di Viterbo ci porta alla scoperta di uno dei tanti gioielli nascosti della Tuscia. A narrare la storia del luogo saranno alcuni studenti dei Licei Midossi di Civita Castellana e Buratti di Viterbo.

Secondo giorno   domenica 14 ottobre ore 10-16 di  appuntamento con le  Giornate d’Autunnodel  FAI, il Fondo Ambiente Italiano, alla scoperta di 660 luoghi, in 250 località italiane, tra palazzi, chiese, castelli, siti archeologici, fari, giardini, ipogei, biblioteche, treni storici, architetture industriali, botteghe artigiane, musei, fari, borghi, interi quartieri: “Un weekend in cui soffermare lo sguardo, spesso sfuggente e distratto, sulle bellezze poco conosciute e inaccessibili del nostro Paese” spiega il FAI, che in concomitanza della sua campagna #salvalacqua, pensata per sensibilizzare sull’importanza della risorsa più preziosa, molti percorsi avranno proprio l’acqua come fil rouge: sarà, infatti, possibile visitare mulini, dighe, cisterne, acquedotti e depuratori. A narrarvi la storia  di Celleno. Borgo fantasma saranno alcuni studenti dei Licei Midossi di Civita Castellana e Buratti di Viterbo

Appuntamento presso l’Ex Convento di San Giovanni Battista. Qui si avrà la possibilità di ricevere informazioni e di iniziare la visita a partire dall’ex Convento, per poi proseguire verso Celleno antica.

Indicazioni per il raggiungimento:

Arrivando a Celleno dalla Teverina troverete le frecce arancioni del FAI che vi condurranno verso il parcheggio di Celleno nuovo. Da qui potrete recarvi a piedi verso il borgo antico (1,5 km) o usufruire del servizio di bus navetta.

Celleno Borgo fantasma: foto di Paola Maruzzi

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI