15.7 C
Viterbo
sabato, ottobre 24, 2020

I segreti di Papa Bergoglio, Americo Mascarucci svela il Pontefice a “Il Salotto delle 6”

Penultimo appuntamento de “Il salotto delle 6 presenta: Giallo Cronaca”, rassegna letteraria ideata e diretta da Pasquale Bottone. Si tornerà a parlare della Santa Sede, ma con un occhio di riguardo per il suo illustrissimo inquilino, con un appuntamento dal titolo “Tutto quello che nessuno scrive su Papa Francesco”.

Venerdì 26 ottobre, dalle ore 17.30, la Biblioteca Comunale degli Ardenti di Viterbo ospiterà infatti il vaticanista Americo Mascarucci, da molti conosciuto come “la sibilla della Tuscia”. Due giorni prima dell’Habemus Papam e dell’elezione di Jorge Mario Bergoglio al soglio di Pietro, fu proprio il giornalista viterbese a predire la sua successione al pontificato, scrivendo subito dopo: “Forse è il Papa ideale per l’epoca che stiamo vivendo”.

Un’epoca piena d’incertezze ma non per Mascarucci che, guidato da una convinzione ferrea sul ruolo del Pontefice in questo particolare momento storico, ha dedicato al “Papa delle periferie del mondo” anche un libro, “La rivoluzione di Papa Francesco” (Historica Edizioni).

L’evento sarà moderato da Benedetta Lomoni, co-founder di Experience Viterbo.

LA RIVOLUZIONE DI PAPA FRANCESCO. COME CAMBIA LA CHIESA DA DON MILANI A LUTERO

Con Papa Francesco si sta assistendo a una riabilitazione di figure molto controverse del mondo cattolico. Figure che, più che la Chiesa, hanno rappresentato una sorta di “anti-Chiesa”, soprattutto durante il lungo pontificato di Giovanni Paolo II. Sembra quasi che il papa voglia ribaltare la scala dei modelli proposti dai suoi predecessori, al punto che molti si domandano se l’obiettivo di Francesco non sia proprio quello di rottamare la Chiesa di Wojtyla da lui stesso canonizzato. Ma non soltanto Bergoglio sembra affascinato da figure accomunate dalla loro ostilità e insofferenza verso la Chiesa, ma a sua volta riesce ad affascinare quanti sono lontani dalla fede.

Ma questa politica è davvero vincente? Oppure, come molti ritengono, oltre a non convertire i “lontani” se non su un mero piano di ammirazione personale e convenienza politica, comporterebbe il serio rischio di allontanare i cattolici dalla Chiesa?

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

26 Ott 2018

Ora

17:30

Luogo

Viterbo
Viterbo
Categoria