26.4 C
Viterbo
domenica, settembre 26, 2021

“I prigionieri”: l’omicidio Taliercio e gli Anni di piombo nel romanzo di Pierluigi Vito

Il 20 maggio del 1981 Giuseppe Taliercio, direttore del Petrolchimico di Porto Marghera, viene rapito dalla Colonna Veneta delle BR nella sua abitazione di Mestre e poi ucciso. Per quarantasette giorni l’uomo resta nelle mani dei terroristi, che lo sottopongono a un “processo proletario”.

A ricostruire la tragica vicenda, in occasione dei 40 anni dalla morte del dirigente Montedison, il giornalista Pierluigi Vito nel suo romanzo “I prigionieri” (Augh! Edizioni) che, dopo un lungo e fortunato tour di presentazioni lungo la penisola, torna a far tappa in città.
L’appuntamento è infatti venerdì 10 settembre alle ore 18.30 nella Chiesa di San Giacomo in via Saffi (davanti alla Libreria Straffi). Ne discuterà con l’autore Angelo Deiana.
L’evento si svolgerà nel rispetto delle normative anti Covid-19. Per info: 0761 327787.

La storia narrata da Pierluigi Vito trascina il lettore nell’Italia insanguinata dalla violenza del terrorismo, per far riemergere una vicenda tra le più strazianti e meno ricordate degli anni di piombo.

Il romanzo si pone sulle tracce dei brigatisti per respirare tutto il dramma di un’azione che determinerà la spaccatura della Colonna Veneta delle BR. Oltre al prigioniero, che lotta contro la solitudine e la disperazione immaginando di scrivere lettere all’amata moglie, su tutti spiccano due personaggi: Emilio, uno dei membri dell’Esecutivo brigatista, rincorso dal fantasma di un amore infranto, e Marcello, il membro più anziano della Colonna, il primo a mettersi in discussione circa l’inutilità di tutta l’operazione.

«Pur basandosi sulle sentenze dei processi per l’assassinio di Giuseppe Taliercio, sulle fonti giornalistiche dell’epoca, sulle conversazioni con chi partecipò al rapimento e con i famigliari della vittima» spiega Vito «il mio romanzo non è una ricostruzione cronachistica di quanto accaduto tra il 20 maggio e il 7 luglio del 1981. Né tanto meno un resoconto fedele in tutto e per tutto.

Queste pagine vogliono essere un tributo alla memoria di un periodo crudele e nefasto per l’Italia, foriero di morte e di lacerazioni, affinché tanto dolore, seppure illogico, non sia inutile, ma guidi ciascuno di noi alla comprensione di ciò che essenzialmente è giusto e vero».

Pierluigi Vito è nato a Viterbo nel 1974. Giornalista professionista, lavora dal 2003 al tg e alle rubriche culturali di TV2000. Ha realizzato i documentari “Miserias Experiri”, “Un avvenire di libertà”, “Classe ’99” e “Un sorriso di pace”. Ha pubblicato l’inchiesta Antenna Proibita (Zona, 2009) e “Quelli che stanno nelle tenebre” (Robin Edizioni, 2016), il suo primo romanzo, finalista al Premio “Tolfa Gialli & Noir” e selezione del Premio “John Fante Opera prima”. È autore di diversi racconti: “Ventoux 2000” è stato inserito nell’antologia “Si sente la voce” (CartaCanta Editore, 2012), “Il figlio di Viorel” ha ottenuto una menzione al concorso letterario “InediTO 2010”, mentre “Una bottiglia di Stock 84” ha vinto il terzo premio al concorso “Il Racconto nel Cassetto”.

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

10 Set 2021

Ora

18:30 - 18:00

Luogo

Viterbo
Viterbo
Categoria