Come il web influenza gli acquisti, il risultato una ricerca commissionata a Ipsos da Google

Nel periodo fra le feste natalizie e i saldi di gennaio i movimenti economici dei consumatori aumentano. Il 96% degli italiani, in linea con gli altri Paesi europei, ha dichiarato di aver usato il web in una o più fasi dell’acquisto dei regali: per cercare informazioni su un prodotto, l’indirizzo di un negozio o per guardare un video. E’ quanto Google rende noto attraverso i dati del primo Global Retail Study: una ricerca commissionata a Ipsos con l’obiettivo di analizzare l’evoluzione del percorso di acquisto tra l’online e l’offline in Italia e nel mondo.
Vi riportiamo l’articolo di Prima comunicazione che analizza tale ricerca
che vi invitiamo a leggere nella sua interezza per trarne spunti riflessivi interessanti, dal sondaggio emerge quanto internet sia fondamentale nei processi d’acquisto e quanto il web piloti il consumatore nella scelta che comunque privilegia sempre il negozio tradizionale.
Dalla stessa indagine emerge che i consumatori di oggi sono più curiosi, esigenti e soprattutto alla ricerca di un’esperienza di shopping integrata, sia che scelgano di comprare su una piattaforma e-commerce, sia che si trovino in un negozio fisico. Più della metà degli intervistati dichiara infatti di cercare online informazioni prima di effettuare un acquisto e il 42% visita diversi siti internet prima di decidere cosa comprare e da quale retailer. Allo stesso tempo, i consumatori sono impazienti: infatti, quasi il 60% si aspetta di consultare un sito che si carichi velocemente e il 57% ritiene importante che esso abbia un processo di pagamento semplice e veloce, mentre per il 45% è rilevante tracciare i tempi di consegna e avere la consegna garantita entro una certa data.
LEGGI QUI

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI