Civita Castellana, 19 percettori del reddito di cittadinanza impiegati in lavori socialmente utili

Dopo una prima fase di selezione e istruttoria in collaborazione con il centro per
l’impiego, il Comune ha dato il via libera ai Puc, Progetti utili alla collettività, previsti dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e destinati ai beneficiari del Reddito di cittadinanza. Come previsto dalla norma, infatti, i percettori del Rdc sono tenuti ad offrire la propria disponibilità alla partecipazione a progetti, utili per la collettività, da svolgere presso il comune di residenza. Quelli messi in campo dall’amministrazione comunale di Civita Castellana riguarderanno principalmente ambiti sociali, culturali e ambientali e coinvolgeranno 19 beneficiari del reddito di cittadinanza che saranno coordinati da operatori comunali accreditati.
“Il loro contributo – spiega l’assessore alle Politiche sociali Carlo Angeletti – sarà destinato a una serie di interventi utili alla collettività. Il loro impegno andrà da un minimo di 8 fino a un massimo di 16 ore settimanali. Dopo questa prima fase di avvio, si prevede di incrementare le proposte dei Puc anche in collaborazione con enti del terzo settore, associazioni, cooperative e fondazioni, e all’interno di altri ambiti, come per esempio quello scolastico”.
“Quello dei Puc – dichiara il sindaco Luca Giampieri – è un supporto importante al lavoro che il nostro ente già svolge. Per la nostra comunità questa è un’occasione di arricchimento che si concentrerà sulle aree progettuali individuate. Il principio della restituzione sociale si muove nella direzione dell’inclusione e rappresenta, oltretutto, anche una preziosa occasione di crescita ed evoluzione per quanti beneficiano di questo tipo di sussidio”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI