Cammina in Tuscia, premi alla miglior fotografia sulla Via Francigena

Donatella Agostini

Cammina in Tuscia è’ stato un percorso a piedi in otto tappe che dal 3 al 10 ottobre ha condotto i turisti-camminatori sulle orme degli antichi pellegrini della Via Francigena, da Proceno a Monterosi.  Mercoledì 5 dicembre mattina in Camera di Commercio a Viterbo si è svolto un incontro di riflessione sugli importanti risultati raggiunti dalla manifestazione, alla presenza del segretario generale della Camera di Commercio Francesco Monzillo e del sindaco di Viterbo Giovanni Maria Arena. In questa occasione si sono proclamati e premiati i vincitori del contest fotografico abbinato all’evento. A tirare le somme e a giudicare positivamente i risultati il segretario Francesco Monzillo: «Giunti alla seconda edizione, abbiamo avuto un riscontro piuttosto importante, malgrado le condizioni atmosferiche non siano state delle migliori. Sono state 400 le presenze durante tutto il cammino, ed è aumentata la percentuale delle persone che sono venute da fuori Viterbo, scoprendo bellezze e particolarità che noi conosciamo bene. Importante è stata anche la presenza dei media, con Rai3 e una televisione francese che ci ha seguito per quattro giorni di percorso». La Via Francigena è oggi un importante volano per lo sviluppo di un turismo cosiddetto integrato: «Pensiamo di aver sviluppato l’evento in maniera corretta, abbinando il turismo lento e sportivo alla bellezza della natura e a quanto possono offrire i nostri borghi, in termini di attrattive storiche, architettoniche e culturali – penso alle piccole visite guidate di cui si poteva usufruire al termine di ogni tappa – ma anche in termini di particolarità gastronomiche e artigianali». Il connubio tra varie tipologie di turismo è la carta vincente per promuovere la Tuscia in modo integrato, ed è il percorso che la Camera di Commercio viterbese intende continuare: «Promuovere le nostre bellezze integrandole con altri aspetti, tradizionali, culturali, con quello che possono offrire le imprese, sia dal punto di vista ricettivo, sia da quello della produzione gastronomica e artigianale: è l’intento del progetto Tuscia Welcome, partito nel 2009, che si propone di promuovere le peculiarità del nostro territorio e di rendere attrattiva l’offerta turistica mettendo in rete imprese e associazioni, offrendo pacchetti compositi di esperienze diversificate». Accanto a Tuscia Welcome la CCIAA di Viterbo ha realizzato infatti “Tuscia Experience”, un catalogo contenente una serie di attività artigianali e agricole in grado di offrire il cosiddetto turismo “esperienziale”: dare la possibilità ai turisti di ampliare le proprie conoscenze, approfondire la cultura e la tradizione dei luoghi e immergersi nella vita degli abitanti del nostro territorio e nelle loro abitudini quotidiane. «Inoltre stiamo puntando molto su un progetto regionale di turismo sportivo. Stiamo mappando non solo i percorsi ma anche quello che potrebbe essere il servizio complessivo da offrire a chi viene da fuori. Ormai il turismo vincente è quello che mette insieme varie realtà». Dello stesso avviso anche il sindaco Arena: «Malgrado lo scetticismo degli inizi, oggi la Via Francigena è una realtà importante nella nostra provincia. Abbiamo tutte le carte in regola per accogliere i pellegrini che in numero sempre maggiore la stanno attraversando». Al termine l’intervento di Carlo Panza, presidente dell’associazione fotografica “Magazzino 120” e membro della giuria che ha valutato le foto partecipanti al contest fotografico abbinato a Cammina in Tuscia. «I lavori che sono stati presentati hanno avuto un denominatore comune, quello di essere documentazione e costruzione di un reportage. Anche se la situazione è amatoriale si sono viste la passione e la voglia di raccontare il viaggio, ciò che si è visto: non foto che rappresentassero soltanto l’essenziale, ma che comportassero un’interpretazione personale. Il risultato è stato sorprendente». Non è stato facile scegliere i vincitori, e alla fine è stato deciso di non assegnare un primo premio ma di proclamare primi tre vincitori ex aequo: Francesca Emiliani di Vetralla, Laura Mortet di Oriolo Romano e Luciano Pasquini di Viterbo, nostro autore. Ai vincitori, una targa ricordo e una scelta di prodotti tipici viterbesi. Arrivederci alla prossima edizione di #Cammina in Tuscia.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI