Beethoven Festival Sutri saluta il pubblico con il Concerto di chiusura

La diciassettesima edizione del Beethoven Festival Sutri saluta il suo pubblico con il CONCERTO DI CHIUSURA ad ingresso libero che si terrà Domenica 5 agosto, come consuetudine, alle ore 11.
Ad esibirsi nella Chiesa di San Francesco saranno tre protagonisti del cartellone di questa XVII edizione: Matteo Bonaccorso, talentuoso flautista esordiente del panorama concertistico, il violoncellista Gianluca Giganti, pluripremiato in due dei Concorsi di violoncello più importanti del panorama musicale internazionale, e la pianista Anna Lisa Bellini, appassionata interprete con alle spalle una trentennale carriera nonché anima tenace del Beethoven Festival Sutri. I tre artisti sostituiranno il South Sky Cello Ensemble che, per sopraggiunti problemi tecnici, non ha potuto confermare la presenza. Una sostituzione in grande stile dunque, prontamente ideata dalla direzione artistica del Festival, che chiuderà questa edizione 2018. I tre artisti eseguiranno un programma tratto dallo straordinario repertorio cameristico in un eterogeneo percorso che partirà da Beethoven ed arriverà a Debussy, attraversando il romanticismo di Reinecke e Chopin. Del grande titano a cui il Festival rende omaggio verrà eseguita in apertura la Sonata n. 4 in do maggiore op.102 n.1 per violoncello e pianoforte, una sonata “breve” ed enigmatica che, per il suo stile innovativo, testimonia come intorno al 1815 (anno di composizione) Beethoven fosse ormai pronto a sovvertire la struttura della forma sonata ereditata da compositori come Haydn e Mozart. Il secondo brano proposto sarà la Sonata op. 167 di Carl Heinrich Reinecke, autore la cui copiosa produzione da camera fu apprezzata da Schumann, che non a caso gli dedicò la serie di Quattro Fughe op. 72 per pianoforte. La Sonata op.167, ch e gode di una forte popolarità, porta il titolo di “Undine” con l’allusione all’omonima fiaba del barone Friedrich Heinrich Karl de La Motte-Fouqué. La seconda parte del programma si aprirà con una significativa ed ammaliante selezione dagli Studi, insieme al Notturno op.9 n.1 e all’Improvviso-Fantasia op.66 per pianoforte di Chopin, il “poeta del pianoforte”. Il concerto si concluderà poi con un doveroso omaggio, nel centenario dalla scomparsa, a Claude Debussy, il compositore che ha segnato il passaggio dall’Ottocento al Novecento. Del grande simbolista francese verrà eseguita la Sonata in re minore per violoncello e pianoforte. Il Beethoven Festival Sutri 2018, che si avvale del contributo del Comune di Sutri, della Fondazione Cultura e Arte e della Fondazione Carivit, calerà dunque il sipario con una matinée di grande prestigio, congedando lo stupendo pubblico di questa importante edizione.

Per informazioni più dettagliate sui programmi e sulla biglietteria si invita a consultare il sito ufficiale della manifestazione www.beethovenfestivalsutri.com

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI