Nasce Linkmate lo sportello tributi telematico del Comune di Viterbo

Luciano Costantini

Per sentire l’amministrazione pubblica meno ostile e più efficiente; per conoscere meglio i propri amministrati e meglio servirli. Due obiettivi quasi sempre inconciliabili tra Stato (il Comune in questo caso) e cittadino. Linkmate si propone adesso di sanare, comunque limitare, questo atavico contrasto. Chi è Linkmate? Sul depliant, disegnato da palazzo dei Priori, semplicemente un simpatico giovane barbuto che si libra in cielo sopra un foglio di carta. Evidentemente uno dei tanti stampati che fanno dannare la gente e santificano la burocrazia. Linkmate è, insomma, l’icona della “liberazione” da lacci e laccioli secolari. Linkmate è il nome del portale telematico attraverso il quale amministrazione e amministrati potranno colloquiare e svolgere gli adempimenti richiesti. Si potrà cominciare da subito nel settore fiscale. Più precisamente, nei due sottosettori della tassazione sulla pubblicità e dell’occupazione di suolo pubblico. Poi il servizio on line verrà ampliato a tutti gli altri comparti di riferimento. Dice il vice sindaco, Luisa Ciambella, in conferenza stampa: “Difficile poter stabilire quando il sistema andrà a regime, serviranno probabilmente mesi e potranno esserci delle naturali defaillances, incidenti di percorso. Ma siamo fiduciosi nel risultato finale. Oltre tutto il servizio on line permetterà al Comune di risparmiare sui soldi per il cartaceo e al cittadino di usufruire di qualche incentivo. Non sappiamo di quanto e quando potrà avvenire, però questa è la nostra intenzione”. E poi potranno essere tagliate le estenuanti code agli sportelli. Che non è poco.

Per accedere al servizio basterà collegarsi al sito del Comune di Viterbo; andare alla sezione “Servizi on-lie” in alto a destra; cliccare su “Sportello Virtuale Tributi” (per gli utenti che hanno Spid l’accesso è immediatamente garantito); si riceverà una mail con le credenziali di accesso e una password provvisoria con la successiva notifica dell’attivazione del servizio. Si potranno visualizzare, tra l’altro, le superfici delle abitazioni per le quali si paga la tassa sui rifiuti, la situazione dei pagamenti, quella anagrafica e patrimoniale. Sarà possibile segnalare incongruenze e inesattezze, consultare dati catastali, calcolare il dovuto Tari con la produzione dell’F24 compilato con tutti i dati. L’amministrazione, a sua volta, potrà monitorare lo status dei cittadini. Il servizio resterà aperto ventiquattro ore su ventiquattro per 365 giorni all’anno. Lo strumento per incontrare Linkmate sarà una semplice chiavetta telematica che comincerà ad essere distribuita nei prossimi giorni. Un primo step sarà completato nell’arco di tre mesi. Poi progressivamente saranno raggiunti tutti i contribuenti.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI