Viterbese storica, vince anche al ritorno. Pisa battuto 2-3

Niccolò Prestininzi

All’Arena Garibaldi di Pisa va in scena mercoledi 23 maggio la super sfida di ritorno tra Pisa e Viterbese valevole per il passaggio della prima fase nazionale dei play-off di Serie C. La Viterbese arriva alla sfida contro i toscani senza il suo bomber Jefferson, squalificato per somma di ammonizioni ma viene dalla galvanizzante vittoria per 1-0 nella gara del Rocchi. Per i gialloblù, quindi, due risultati utili su tre per centrare l’obiettivo qualificazione.

La partita è subito accesa dal punto di vista agonistico, tanti contatti e nervosismo che costringono l’arbitro Massimi a spezzare il gioco. Parte fortissimo il Pisa spinto dai suoi tifosi e, al 6’ minuto, crea la prima occasione: incursione in area di Eusepi e tiro deviato da Celiento. Passano solo due minuti, però, per vedere il primo gol della serata. Punizione calciata da Di Quinzio che trova la fortunosa deviazione di Negro e spinge la palla alle spalle di Iannarilli. Subito dopo l’1-0, ancora Pisa pericolosissimo al 12’ con Di Quinzio che, da calcio di punizione, stavolta va direttamente in porta e sfiora il palo per pochi centimetri. Al quarto d’ora sembrano esserci solo i nerazzurri in campo che, grazie a un pressing asfissiante e a una grande intensità di gioco, hanno schiacciato gli ospiti nella loro metà campo. Al 17’, infatti, i padroni di casa sfiorano ancora il raddoppio con la conclusione di Eusepi che trova un attento Iannarilli.
Si fa vedere anche la Viterbese dalle parti di Voltolini con il tiro da fuori di Vandeputte che, però, non trova la porta. Botta e risposta al 25’: dopo un rimpallo in area, Ingrosso ha sul destro la palla del 2-0 ma spedisce alto; poi Vandeputte si libera della marcatura di Birindelli e calcia forte sul primo palo trovando la risposta di Voltolini.
La Viterbese cresce di intensità e dopo alcune azioni corali trova il pareggio al 32’ con un diagonale preciso di Baldassin, smarcato da Calderini. Ancora Viterbese intraprendente e, pochi secondi dopo la rete della parità, sfiora anche il raddoppio con un destro al volo dalla distanza di Di Palonatonio, di pochissimo fuori. La squadra di Sottili è cresciuta molto nella seconda parte, proprio come nella partita al Rocchi, trovando nel lato sinistro difeso da Birindelli, molto spazio da sfruttare.
Dopo un vivace primo tempo le squadre vanno a riposo sul punteggio di 1-1, risultato che premierebbe la Viterbese.

Le squadre rientrano in campo e subito problemi per la Viterbese con Di Paolantonio che rischia l’autorete deviando il cross di Di Quinzio. I gialloblù non stanno a guardare e rispondono con la botta da fuori area di Celiento respinta in angolo da Voltolini; proprio dagli sviluppi del corner gli uomini di Sottili trovano il gol del vantaggio con il colpo di testa di Rinaldi.
Sull’onda dell’entusiasmo, la Viterbese continua a spingere e al 57’ trova anche il gol del 3-1: percussione di Bismark che crossa rasoterra dalla destra e trova il piattone del neo-entrato Cenciarelli. Il Pisa tenta allora il tutto per tutto e si butta in attacco a pieno organico e al 65’ guadagna un rigore trasformato da Mannini che fa 2-3.

Dopo il gol della speranza, il Pisa si fa ancora più aggressivo sul portatore di palla, mentre la Viterbese cerca di abbassare i ritmi e guadagnare calci di punizione per far scorrere il cronometro.

I Toscani continuano a spingere con tutti gli effettivi, ma la Viterbese si chiude con estrema attenzione, sperando di sfruttare in contropiede gli spazi lasciati dal Pisa per gestire la partita.
Il Pisa ci prova fino all’ultimo e al 91’ va vicina al gol del pareggio, ma Iannarilli sbarra per tre volte la strada della rete nerazzurra.

Al triplice fischio è festa gialloblù che si impone con una prestazione di squadra e per 3-2 all’arena Garibaldi batte un Pisa che era dato favorito sulla carta. Ora sul cammino verso la serie B sono otto le squadre rimaste, ma i leoni di via Palazzina non dovranno temere nessuno visto il gioco e la tenacia mostrata in tutte le gare dei play-off.

Viterbese (4-3-3): Iannarilli, Celiento, Rinaldi, Sini, De Vito, Baldassin, Di Paolantonio, Benedetti (dal 55’ Cenciarelli), Vandeputte (dal 55’ Peverelli), Bismark (dal 77’ De Sousa), Calderini (dal 85’ Zenuni).
A disp: Micheli, Pini, Pacciardi, De Sousa, Mendez, Zenuni, Sanè, Pandolfi, Atanasov, Peverelli, Mosti, Cenciarelli.
Allenatore: Stefano Sottili

Pisa ( 4-4-2 ): Voltolini, Birindelli (dal 67’ Miguel Angel), Sabotic, Ingrosso, Filippini, Lisi (dal 66’ Masucci), De Vitis (dal 66’ Izzillo), Gucher, Di Quinzio (dal 59’ Mannini), Eusepi, Negro (dal 82’ Giannone).
A disp: Reinholds, Campani, Mannini, Lisuzzo, Maltese, Giani, Miguel Angel, Setola, Izzillo, Cagnano, Masucci, Giannone.
Allenatore: Petrone

Arbitro: Luca Massimi della sezione di Termoli
Note
Corner: quattro a tre in favore del Pisa
Ammoniti: 7’ Bismark (V), 13’ Celiento (V), 41’ Lisi (P), 65’ Birindelli (P), 73’ Miguel Angel (P), 80’ Eusepi (P)
Recupero: 0’ p.t. 5’ s.t.

Reti: 9’ Negro (P), 32’ Baldassin (V), 49’ Rinaldi (V), 57’ Cenciarelli (V), R 65’ Mannini (P)

Foto di Cristiano Politini

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI