Vetralla e per la sua storia. il manoscritto “Liber Actorum” di “Atti civili” datato 1540 torna a Vetralla

Il 29 luglio è stato un giorno fausto per il comune di Vetralla e per la sua storia. Se un luogo vive attraverso la memoria di chi lo abita, oggi il nostro territorio si è arricchito di anni della sua storia.
Nei giorni scorsi infatti il Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale- Nucleo di Perugia, avevano contattato il Comune per segnalare il ritrovamento di un manoscritto chiaramente appartenuto al Comune di Vetralla ed oggi, presso la sala consiliare del Comune di Vetralla, alla presenza dell’Amministrazione Comunale, è avvenuta la riconsegna ufficiale.
Eseguite le procedure formali, in esecuzione del decreto di dissequestro e di consegna del bene, per la prima volta è stato visto e toccato con mano il manoscritto “Liber Actorum” di “Atti civili” datato 1540, già appartenuto al nostro Archivio Storico.
Il Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale- Nucleo di Perugia, alla presenza del Tenente Colonnello Barbieri Guido, Comandante del Nucleo di Perugia, Maresciallo D’Arpa Antonio, addetto al predetto Nucleo, hanno portato il manoscritto restituendolo al Vice Sindaco Flaminia Tosini.
Ma veniamo al protagonista: si tratta di un volume con rilegatura in pergamena con rinforzi in pelle sul dorso, riportante l’indicazione “Acta Civil…terrae Vetrallae”, frontespizio con nota e signum del Commissario Actuaris, ovvero colui che si occupava di redigere gli atti contenuti all’interno del registro. Il volume appartiene alla serie “Atti Civili/Civilia/Liber ActiCivilis” riguardante sintesi di procedimenti di giurisdizione civile, verbali di interrogatorio e registrazione delle deposizioni relative ad atti di giurisdizione civile. La serie si compone di n. 155 registri totali per un arco cronologico che va dal 1557 al 1779 ed il volume in oggetto, indicante sulla coperta la data 1540, è il primo della serie attualmente mancante. Si deduce pertanto che il volume di cui sopra, sia stato sottratto all’Archivio Storico Comunale di Vetralla, ma non esistendo denunce di furto in tal senso, non è possibile desumere la data certa di sottrazione.
Si ringrazia l’Arma dei Carabinieri nello specifico il Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio culturale- Nucleo di Perugia, per il lodevole lavoro svolto e per aver riconsegnato alla nostra comunità il prezioso manoscritto. Senza la loro vigilanza e la loro attività investigativa non avremmo mai potuto riacquisire questo bene di tutta la collettività vetrallese. Si ringrazia la preziosa ed immancabile presenza dell’Arma Territoriale, ovvero dei Carabinieri della locale Stazione rappresentati, nella circostanza, dal loro Comandante il Luogotenente Adriano Marzi e il Comandante della Polizia Locale Ivo Aquilani.

AMMINISTRAZIONE COMUNE VETRALLA

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI