Startupper School Academy tra i vincitori due classi dell’ITT Leonardo da Vinci

Si è tenuto a Roma presso WeGil la finale dei Laboratori regionali di Startupper School Academy, la competizione della Regione Lazio che seleziona i migliori business model, i prototipi e i video proposti dalle scuole superiori del Lazio.

Il programma Startupper School Academy nasce su impulso della Regione Lazio ed è realizzato da Lazio Innova per promuovere l’imprenditorialità e la creatività negli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore del Lazio. L’iniziativa ha coinvolto, nel corso di quest’ultima edizione, 162 Istituti e più di 7.000 studenti, attraverso circa 400 incontri di orientamento imprenditoriale su tutto il territorio regionale.

Quest’anno, per la prima volta, Lazio Innova ha unito le sue forze con quelle di Junior Achievement con l’obiettivo di sviluppare un ambiente favorevole alla nascita di nuove startup. Per questo motivo, oltre ai vincitori dei Laboratori, sono state premiate le migliori mini-imprese che hanno partecipato al programma didattico “Impresa in Azione di Junior Achievement Italia”.

A conclusione delle attività dei Laboratori d’impresa “Presenta la tua Idea”, “Prototipa la tua Idea” e “Promuovi la tua idea” sono stati creati 40 modelli imprenditoriali, 28 prototipi con le tecnologie messe a disposizione dalla rete dei FabLab e 18 video promozionali.

Sette i premi in palio: oltre ai 3 per i “Laboratori d’impresa”, quelli Speciali per il “Gioco e la Creatività”, quello per la “Economia del Mare” e il Premio “Cittadinanza Digitale e Lotta al Cyberbullismo”, quest’ultimo messo a disposizione da MindSharing.tech.

Inoltre, il Premio “Bioeconomia” è stato assegnato in collaborazione con il progetto europeo Biovoices, con la Rete Europea Bioeconomy Network e con il contributo di Novamont.

Ha premiato i vincitori l’assessore regionale allo sviluppo economico Gian Paolo Manzella per il quale “l’iniziativa Startupper School Academy è uno dei pezzi più importanti del programma StartupLazio. Come Regione vogliamo contribuire a un ecosistema startup in questa regione e la formazione delle nuove generazioni è importante quanto i finanziamenti alle startup e i programmi di venture capital come Fare Venture. Portare i valori startup nelle scuole significa porre le basi per un sistema imprenditoriale diverso in cui creatività e innovazione dovranno essere valori diffusi e condivisi: un passo importante verso il Lazio del futuro”.

Questi gli istituti e i team vincitori per ciascuna categoria:
· Laboratorio Presenta la tua Idea, Primo premio a Cleaneeth di IIS Via dell’Immacolata 47 Liceo Guglielmotti di Civitavecchia, un innovativo sistema ad ultrasuoni con batteria ricaricabile che permette la pulizia di protesi ed apparecchi mobili;
· Laboratorio Prototipa la tua Idea, Primo classificato il team Fashion Led di Ipias Olivieri di Tivoli, una linea di abiti multifunzionali che utilizzano la tecnologia Led e Arduino;
· Laboratorio Promuovi la tua Idea, Primo premio al team VES di IIS C.A. Dalla Chiesa di Montefiascone. Si tratta di una stazione per gli autobus progettata non solo per ripararsi dal sole o dalla pioggia, con delle pensiline dove sedersi, ma anche dotate di caricabatteria, wifi, schermi touchscreen, con rampa per i disabili e cestini per la raccolta differenziata.

Premi speciali:

· Gioco e creatività, al team Il Ragazzo e lo Statuta di IIS Borsellino Falcone di Zagarolo, un gioco dove un ragazzo del 1500 si imbatte in un libro magico e scopre che può attraversare una dimensione temporale;
· Economia del Mare, al team Sea Sweppers di IIS Vian di Bracciano, raccoglitore di rifiuti superficiali ad energia rinnovabile;
· Cittadinanza Digitale, al team T-Eye del Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano, una coppia di braccialetti per non vedenti e ipovedenti che forniscono un feedback tattile in base al percorso scelto tramite comando vocale;
· Bioeconomia, al team Kea Kaffè dell’Istituto professionale Rosario Livatino di Palestrina, un progetto di economia circolare che utilizza pose di caffè.

Nel corso della giornata Junior Achievement ha premiato L’Istituto Leonardo Da Vinci di Viterbo che ha visto sul podio ben due classi come migliori imprese JA Lazio: la classe 3 A Informatica con il bracciale intelligente “I Am COming” della mini-impresa CallGen, che consente di percepire cadute accidentali e anomalie del battito cardiaco assicurando un pronto intervento per gli anziani, e la mini-impresa Leaf della classe 3 B Informatica che grazie a “Intellingent Baby Pillow”, il copricuscino universale per seggiolino d’auto, intende prevenire l’abbandono accidentale dei bambini in auto.

Tra i premiati: le mini-imprese “Take me home” e “Snack up” rispettivamente della 4 e 3 A dell’Istituto Omnicomprensivo Orte Fabio Besta, hanno ottenuto il premio John Cabot University, mentre Leaf si è aggiudicato anche il premio FedEx-Access Award.

“Impresa in Azione” è il più diffuso programma di educazione imprenditoriale per tutte le scuole superiori, riconosciuto dal MIUR come forma di Alternanza Scuola-Lavoro. In 16 anni ha coinvolto oltre 100 mila studenti italiani, 400 mila all’anno in tutta Europa e, in Italia, ha generato oltre 650 mini-imprese di studenti, ognuna delle quali ha realizzato un prodotto o un servizio con un buon potenziale di mercato.

Leitmotiv di questa edizione è “Bridging the Gap”: Impresa in Azione è, infatti, un ponte non solo per superare il divario tra scuola e mondo del lavoro, ma anche una via che unisce gli studenti. Un ponte anche verso la finale nazionale “BIZ Factory – Bridging the Gap”, che metterà a confronto le migliori mini-imprese di tutta Italia il 3 e 4 giugno prossimi a Milano. La classe vincitrice rappresenterà l’Italia nella “JA Europe Company of the Year Competition”, dal 3 al 5 luglio a Lille in Francia.

“Ogni volta, in occasione delle finali regionali di Impresa in Azione, restiamo stupiti dalla creatività dei progetti e dalle competenze che gli studenti mettono in campo”, ha dichiarato Antonio Perdichizzi, Presidente di Junior Achievement Italia. “Questo ci conferma che il nostro impegno in Junior Achievement va nella direzione giusta e che solo trasferendo alle giovani generazioni lo spirito imprenditoriale e valorizzando le attitudini di ognuno possiamo preparare gli studenti a un mercato del lavoro sempre più sfidante in cui saranno le competenze e le abilità, più che i titoli, a essere messi al centro della crescita economica e dello sviluppo professionale e imprenditoriale”.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI