Sandrucci dopo Paul Ricard: “Guardo alla prossima gara, voglio vincere”

Cristiano Politini

“Poteva andare meglio” questo il primo pensiero di Gustavo Sandrucci dopo il secondo weekend di gara del Mini Challenge corso sul prestigioso circuito di Paul Ricard. Sandrucci, rientrato da poco dalla Francia, ha raccontato il suo weekend, sicuramente più difficile di quello di Imola, dove aveva dominato conquistando il primo posto in classifica.

Il pilota viterbese ha sfruttato il primo turno di prove per studiare la pista e già nelle prove libere 2 ha impressionato facendo il miglior tempo. “Nel primo turno ho studiato bene il tracciato e nella seconda sessione ho iniziato a spingere. Infatti, ho subito segnato il primo tempo. Eravamo molto soddisfatti sia per il passo mostrato sia per l’usura delle gomme”.
Anche in qualifica Sandrucci aveva dato segnali di grande velocità: “Nel primo stint non ho fatto un buon tempo. Successivamente abbiamo montato il secondo treno di gomme nuove e stavo girando forte. Ero più veloce di un secondo rispetto a tutti gli altri poi, alla famosa curva di Signes molto impegnativa e veloce, la macchina è partita sul posteriore e ho fatto un traverso lunghissimo. Ho concluso le qualifiche solo in settima posizione”.

Si sa, quando si parte dietro c’è da lottare per conquistare posizioni importanti. Sandrucci in Gara1 è risalito velocemente e ha concluso la gara al terzo posto. “Sono partito forte e ho duellato tutta la gara con Rangoni. Ho provato a passarlo per andare a prendere Torelli, ma sorpassare Rangoni non è mai semplice, lui è molto esperto e non ho mai avuto l’occasione concreta di attaccarlo senza rischiare di far danni”.
Il terzo posto aveva galvanizzato il pilota di Viterbo, ma in Gara2 il diluvio ha complicato le cose. “A causa della pioggia la gara è stata rimandata di tre ore. Per problemi di assetto sia io sia il mio compagno di squadra eravamo lenti. Ho dato tutto e ho concluso quinto. Dopo il weekend di Paul Ricard ho perso la leadership del campionato e ora è Torelli a guidare il campionato. Sarà un bel duello, lui è molto forte, è giovane e in gara non sbaglia mai. Adesso guardo a Misano, una delle mie piste preferite e dove sono sicuro che faremo bene”.

Foto:Gustavo Sandrucci Facebook

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI