Richiesta al sindaco Arena di locali per sede Associazioni d’Arma Combattentistiche e Patriottiche.

Il  Presidente di ASSOARMA della provincia di Viterbo Gen.Br (r.) Ettore scorza ha inviato la seguente richiesta al Sindaco di Viterbo Giovanni Maria Arena e per conoscenza: all’assessore ai Lavori Pubblici Laura Allegrini, al consigliere Paolo Barbieri preposto al servizio Tributi e Patrimonio:

 In qualità di Presidente di Assoarma della provincia di Viterbo, Le invio questa missiva con la speranza di vedere finalmente accolta la nostra ormai datata richiesta inerente alla concessione di locali destinati a sede per le otto Associazioni d’Arma e Combattentistiche che ho l’onore di rappresentare.

Purtroppo, Le confesso che ad oggi, nonostante la passata individuazione di un sito avente le caratteristiche adatte allo scopo, il perdurare di continui rinvii nell’assegnazione e le capziose scusanti tecnico-amministrative addotte in proposito dai vari rappresentanti comunali non danno più certezze circa la reale volontà di individuare una soluzione.

Dispiace molto che a causa di quanto sopra una diffusa delusione serpeggi tra uomini e donne che anche in qualità di elettori riponevano la loro fiducia nell’Amministrazione Comunale. Questo perché ogni giorno essi vedono assottigliarsi sempre più le probabilità di ottenere un luogo da eleggere come sede unica e dove svolgere i loro compiti al servizio del territorio e delle istituzioni.

La questione della sede, già trattata ampiamente sin dal 2016 anche dal Suo predecessore il Sindaco Leonardo Michelini, malgrado le varie promesse e il tempo sprecato, a nostro avviso non è stata mai realmente presa in considerazione. Ancora oggi, dopo circa due anni dall’inizio del Suo mandato di Sindaco, tutto risulta inesorabilmente sospeso sebbene molti aspetti fossero stati già ampliamente trattati con l’Ufficio Tecnico del Comune di Viterbo e con l’Assessore Paolo Barbieri nell’ambito di un sopralluogo congiunto effettuato in alcuni locali ritenuti idonei e situati presso le scuole Emilio Bianchi.

Mi permetto di farle notare che, sin dall’avvenuto sfratto delle Associazioni allocate da anni presso il Palazzo Doria in S. Pellegrino, codesto Comune non si è mai impegnato concretamente per trovare un’alternativa logistica valida, né tantomeno per sollecitare al suo interno un intervento mirato.

Di conseguenza, a seguito del rilascio dell’immobile, le Associazioni sono state costrette a adattarsi in locali angusti appartenenti agli stessi soci e, in aggiunta, per ragioni di spazio sono state impossibilitate a trasferire dal Palazzo Doria tutto il materiale storico e di archivio che ancora vi permane e che sta subendo ogni forma di deterioramento anche a causa di infiltrazioni. Private delle sedi, le Associazioni inevitabilmente tendono ad atrofizzarsi e pertanto, quanto prima e con l’impegno di tutti si dovranno recuperare le poche energie intellettuali rimaste per ricreare quello spirito di partecipazione e di entusiasmo certamente utili ai soci, nonché alla Città stessa.

Con la presente La informo che in occasione del verbale annuale, quindi per dovere d’Ufficio, il sottoscritto dovrà, quanto prima, comunicare l’attuale situazione alla Presidenza Nazionale di Assoarma.                                    

Si rammenta che le Sezioni di Associazione d’Arma combattentistiche e Patriottiche, riconosciute con decreto del Presidente della Repubblica, hanno delle finalità istituzionali e culturali che sono contemplate nei loro rispettivi statuti e pertanto perseguono i seguenti scopi:

 

–       la difesa dell’unità di Patria e dell’onore della bandiera;

–       il rafforzamento dei legami delle appartenenti associazioni con il sistema Paese;

–       il culto della memoria dei Caduti in nome della Patria;

–       concorrere alla crescita morale e civile del Paese,

–       partecipare ad iniziative umanitarie, con particolare attenzione al settore del volontariato;

–       incentivare iniziative culturali e di promozione sociale a beneficio della comunità locale;

–       contribuire, con le proprie professionalità, al servizio di tutela dell’ambiente, di difesa del     territorio e di protezione civile;

–       partecipazione ad eventi locali (e nazionali) di rilevanza sociale, portando lustro e considerazione alle stesse.

 

In qualità di Presidente di Assoarma, lo scrivente ha il compito e l’onore di coordinare le suddette attività, il cui svolgimento ha da sempre fatto registrare una notevole partecipazione di pubblico e la città di Viterbo ci è stata sempre riconoscente. Inoltre, si sottolinea che alle Associazioni d’Arma e Patriottiche è legata tutta la comunità militare presente sul territorio la quale oggi è divenuta parte integrante del tessuto sociale.

 

Come in tutte le città d’Italia, per poter bene operare nei vari compiti Istituzionali, le Associazioni necessitano di locali adeguati. Non avendo scopi di lucro, le stesse non dispongono di capitali per poter affittare dei locali da utilizzare come sedi sociali, che, peraltro, vengono anche fruite come luogo di aggregazione per familiari e simpatizzanti.

 

Al momento risultano prive di sede le Sezioni viterbesi delle seguenti Associazioni:

–  Presidenza e Segreteria Assoarma;

–  Associazione Nazionale Bersaglieri;

–  Associazione nazionale Genieri e Trasmettitori;

–  Associazione Paracadutisti;

–  Associazione Finanzieri;

–  Associazione Aviazione Leggera;

–  Associazione Alpini;

–  Associazione Sottufficiali d’Italia.

Con l’auspicato sostegno dell’amministrazione di Viterbo potremmo finalmente ricostruire una ASSOARMA sempre più in grado di conservare valori e tradizioni del nostro Paese, peraltro molto apprezzati dalla cittadinanza. Tali peculiarità, scolpite nella nostra formazione culturale, se sommate al consolidato spirito di collaborazione tra la Città di Viterbo e le Associazioni d’Arma e Patriottiche, renderanno un notevole servigio alla stessa comunità.

Fiducioso in un benevolo accoglimento della richiesta, colgo l’occasione per ringraziarla dell’attenzione”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                            

                                                                                  

 

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI