QdA Il Segno di Orfeo. L’arte come forma di integrazione

Prende vita il Progetto Orfeo. Otto ragazzi beninesi e altrettanti italiani saranno protagonisti di un esperimento interculturale che, dopo una settimana di prove, culminerà con la messa in scena dello spettacolo teatrale Il Segno di Orfeo (sabato 29 settembre alle 21 presso il Complesso di Sant’Agnese a Vitorchiano). La lingua, sarà ovviamente l’ostacolo più grande da affrontare. Per questo il professor Akoha, accompagnatore e didatta dei ragazzi africani, e tutto lo staff del Festival Quartieri dell’Arte hanno intenzione di far parlare il linguaggio universale dell’arte. In un momento storico di tensioni ed incomprensioni in ambito migratorio, uno degli obiettivi di tale progetto è proprio quello di far cadere tutti quegli stereotipi che portano il Paese ospitante a nutrire timore dell’altro.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI