Pierlorenzo Buzzelli nuovo capitano del Tuscania Volley

Giancarlo Guerra

Pierlorenzo Buzzelli è il nuovo capitano della Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania.

A comunicarlo alla squadra lo stesso coach Morganti martedì sera al termine della seduta di allenamento presso il Training Center di via dell’Olivo. Vice capitano sarà Matteo Bertoli.

Per cinque stagioni a Tuscania, con la sola parentesi di Sora, Buzzelli nonostante i suoi ventotto anni, è uno dei “veterani” del Tuscania versione Bruno Morganti. Un attaccamento alla maglia e una continuità di rendimento che hanno convinto il nuovo coach a sceglierlo per questo importante ruolo.

“Per me è un grande onore e un immenso piacere, farò di tutto affinché possa trasmettere questo mio attaccamento alla maglia ai nuovi arrivati. Voglio dimostrare sul campo di essermi meritato la fiducia che la società, il mister e i miei compagni mi hanno dato”.

Non c’è che dire, per te questo mese di agosto sarà davvero indimenticabile: prima il matrimonio con Cristiana (lo scorso 4) e poi questa grande responsabilità?

“Sicuramente, per me è stato un mese importante sia sul piano personale che come atleta. Altrettanto importante sarà però il mese prossimo. A settembre avremo diverse amichevoli con incontri di altissimo rilievo. Dobbiamo fare bene da subito, iniziare con il passo giusto per poi presentarci al meglio al primo appuntamento della stagione ad ottobre all’esordio nel girone con Club Italia”.

Proveniente da Spoleto, dove ha vissuto le ultime stagioni da protagonista, Matteo Bertoli affincherà Buzzelli nel fondamentale compito di gestire la squadra.

“Mi ha fatto davvero molto piacere ricevere la fiducia da parte dello staff tecnico, ora sta a me dimostrare che è stata ben riposta”.

Cosa pensi della squadra e, in generale, della particolare aria che si respira qui a Tuscania?

“Sono contento di aver trovato un bel gruppo, una squadra giovane con tanta voglia di impegnarsi, di lavorare molto e di fare bene. L’ambiente che ho trovato qui è un vero spettacolo, ti fa sentire a casa dopo appena un secondo che sei qua”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI