Orte Sotterranea e Bunker Soratte una nuova rete museale territoriale per allargare gli orizzonti

Le realtà ipogee si stanno oramai affermando come un caposaldo dell’offerta turistica dell’ Alto Lazio che può disporre di una grande quantità di siti sotterranei, spesso differenti per natura e funzione, ma accomunati dal grande impatto che ricoprono nello sviluppo turistico di piccoli centri.
Tra questi sono molto ben conosciuti i siti del Bunker Soratte e di Orte Sotterranea, i cui enti gestori continuano in maniera incessante le attività di promozione turistica e culturale con un crescendo di sforzi mirati alla sinergia con altre realtà del territorio laziale, italiano ed europeo.
A tal proposito sabato 20 luglio una delegazione di Orte Sotterranea è stata ospite dell’ Associazione Bunker Soratte ed ha avuto modo di visitare le straordinarie opere di ingegneria militare che si nascondo all’interno del Monte Soratte.
A termine della visita, in circostanze più conviviali, è stato siglato un accordo di collaborazione con il quale vengono offerte condizioni vantaggiose ai turisti che intendono visitare entrambi i siti. Nello specifico il turista, presentando in un sito il ticket acquistato a prezzo intero presso l’altro, riceverà delle agevolazioni sull’ingresso.
“In primo luogo tengo in maniera particolare a ringraziare l’ Associazione Bunker Soratte e il suo presidente Gregory Paolucci per aver voluto avviare questa collaborazione, iniziata con una giornata all’insegna della cordialità e dell’ospitalità, che ricambieremo quanto prima” – ha dichiarato l’archeologo Giancarlo Pastura – presidente dell’Associazione culturale Veramente Orte – “Il patrimonio ipogeo del Soratte è veramente eccezionale ed è molto bello dialogare con realtà con viaggiano sulla nostra stessa lunghezza d’onda” ….
Al Presidente di Veramente Orte fa eco dal profondo del Soratte il Prof. Arch. Paolucci Gregory, presidente e fondatore di Bunker Soratte:“ I tempi sono maturi per istituire una rete museale territoriale capace di allargare gli orizzonti e aumentare il valore dei rispettivi obiettivi. Due esempi di valorizzazione che nascono dal lavoro concreto, dal sudore dei rispettivi volontari e che oggi sentono la necessità di condividere queste esperienze passando da un livello provinciale a quello regionale ed internazionale. Ho avuto modo di conoscere la realtà di Orte, dei suoi ipogei e del fantastico team che anima le ricerche e ne garantisce la fruibilità: un momento passionale, una sinergia incredibilmente simile alla nostra. Unire queste forze è naturale, consolidare i legami e tendere a dovere i fili di questa rete culturale contribuirà a presentare ai turisti il nostro territorio in tutto il suo poliedrico splendore. Quale altro ambito al mondo potrà vantare circuiti che abbracciano tremila anni di storia passando dalla civiltà etrusca fino a quella dell’era atomica?”

Associazione Culturale Veramente Orte
Associazione Culturale Bunker Soratte

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI