Opera lirica al Padovani: La Traviata, Gran Gala Lirico, Maria Callas

Il Mythos Opera Festival fa tappa al Teatro Lea Padovani e propone serate dedicate all’Opera Lirica, con artisti di fama internazionale.

A Montalto di Castro (VT), l’avvicendarsi di celebrità del mondo del “bel canto” caratterizzerà il festival operistico organizzato dall’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con il Mythos Opera Festival.
Tre sono gli appuntamenti da segnare sull’agenda (l’ingresso sarà sino ad esaurimento posti ed i biglietti possono essere acquistati o sul sito www.mythosoperafestival.com oppure direttamente al Teatro Lea Padovani di Montalto Di Castro): il 29 luglio si apre con la Traviata di Giuseppe Verdi, affidata alla regia del giovane e talentuoso Frederik Boni, coadiuvato dal Maestro Roberto Cresca che curerà l’allestimento scenico e la parte artistica.
La medesima opera verrà proposta a Nepi, il 4 agosto, all’interno del “Castello dei Borgia”, luogo storico ed evocativo; il tenore Roberto Cresca delizierà, in questo caso, i propri cittadini rivestendo il ruolo di Alfredo.

Il 6 agosto Montalto di Castro farà da cornice ad un gala lirico omaggiante i grandi operisti italiani, che hanno reso celebre il nostro Paese nel mondo. Ad alternarsi sul palco vi saranno artisti dalle qualità vocali indiscusse e già apprezzate dal grande pubblico: Maria Giovanna Michelini, Tiziana Fabietti, Vassily Savenko, Carlos Munoz, ed altri ancora, accompagnati al pianoforte da Alessia Capoccia, pianista giovane e poliedrica.

Il 25 agosto sarà la volta di ricordare il grande e compianto soprano MARIA CALLAS, grazie ad un concerto a leidedicato, in cui si esibiranno artisti di valore come Erika Giannella, Carole Sidney Louis, Sabrina Tortora, Jessica Leonori, Mariagrazia De Luca e tanti altri; l’evento si fregerà dellapartecipazione straordinaria del celebre soprano MARIA DRAGONI, vincitrice del premio CALLAS.

Ci aspetta, dunque, una stagione “calda” anche da un punto di vista musicale, pregna di appuntamenti e di emozioni, in cui lasciarsi trasportare dalle dolci note, immergendosinegli affascinanti luoghi fisici e poetici dell’Opera lirica.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI