Maurizio Mastrini, pianista e compositore in concerto all’Unitus

Dopo la breve sospensione per le festività natalizie, la 17esima stagione concertistica pubblica dell’università della Tuscia riprende sabato 8 gennaio (auditorium di Santa Maria in Gradi, alle ore 17.00) con un concerto singolare. E’ affidato, infatti, a Maurizio Mastrini, pianista e compositore che solo eufemisticamente si può definire originale.

Numerose le sue tournée in vari paesi tra i quali: Islanda, Danimarca, Turchia, Francia, Inghilterra, Olanda, Usa, Spagna, Repubblica Ceca. Molto conosciuto, inoltre, per aver suonato in contesti e circostanze veramente imprevedibili e incredibili, le sue esecuzioni diffuse dai media hanno avuto, in tutto il mondo, milioni di visualizzazioni.

Maurizio Mastrini è uno dei maggiori pianisti e compositori incontaminati del panorama musicale e strumentale internazionale. La sua vita creativa musicale si esprime nel suo eremo in Umbria lontano dal vortice della vita quotidiana. Ciò lo rende incontaminato nelle sue creazioni e carico di emozioni che trasmette con le sue composizioni. E’ stato definito ‘cuore selvaggio’ per questo suo modo di essere e vivere un po’ ‘solitario’ ma con un cuore che quando lo senti suonare esprime emozioni a tutto tondo. Le sue composizioni sono un anello di congiunzione tra i canoni classici della musica e la nuova Musica Classica Contemporanea, attraverso uno studio di ricerca colto ed emozionale, che si fonde, in alcune frasi, con la dodecafonia, ma senza recepire la durezza armonica di quest’ultima.

 

Questo concerto e gli altri della Stagione, disponibili in “forma raccolta all’interno” della playlist :”XVII Stagione Concertistica” nel canale YouTube di Ateneo potranno essere seguiti, gratuitamente, in diretta streaming oppure in differita utilizzando il seguente link:

http://tiny.cc/XVII_stag_concertistica       

 

La biglietteria è aperta dalle ore 16.00

L’accesso è da via Sabotino, 20 (ampio parcheggio interno)

Informazioni: Tel. 0761.357.937; 348.793.1782

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI