L’Orto Botanico “Angelo Rambelli” dell’Università degli Studi della Tuscia compie 30 anni

Trenta anni fa, dopo una prima fase di progettazione e ricerca scientifica, portata avanti dall’Università, grazie alla competenza e lungimiranza del professor Angelo Rambelli primo Direttore e fondatore, con il sostegno della Città di Viterbo e di altre istituzioni, è stato possibile realizzare l’ Orto Botanico, divenuto oggi sito ad alta valenza scientifica e didattica, una realtà viva e dinamica, che contribuisce alla valorizzazione del territorio e offre alla collettività un’opportunità di crescita culturale. L’Orto Botanico, aperto per l’occasione nei giorni 25,26 e 27 giugno dalle 9 alle 19, sorge in un’area particolarmente cara alla cittadinanza di Viterbo posta in prossimità della sorgente termale del Bulicame. Il Bulicame era già noto agli Etruschi e ai Romani per le proprietà benefiche delle sue acque e, nel Medioevo, era famoso tanto da essere citato da Dante nella Divina Commedia. Dalla sorgente principale, attraverso canalette rialzate, l’acqua defluiva in vasche dove veniva lasciata a macerare la canapa, oggi gli invasi e le canalette fanno parte dell’Orto Botanico dove sono conservate e valorizzate. Attualmente l’Orto Botanico ospita numerose collezioni vegetali e ricostruzioni di ambienti, dai più aridi, in cui crescono piante provenienti dai deserti americani e africani, agli ambienti umidi, con ruscelli e laghetti nei quali vengono sapientemente coltivate piante acquatiche e ripariali. Non mancano specie tipiche dei boschi italiani, una collezione di felci, una di orchidee spontanee autoctone, un roseto e tanto altro. Una rigogliosa serra offre scorci di ambienti tropicali e ospita orchidee, bromeliacee, felci, ficus e piante carnivore. Nelle giornate dell’evento sarà possibile ammirare tutto questo grazie a visite guidate alle collezioni botaniche e alla serra tropicale dove il pubblico rimarrà affascinato dalla rigogliosa vegetazione e dalle variopinte farfalle. Grandi e piccini potranno osservare da vicino il meraviglioso mondo delle farfalle tropicali mentre si alimentano, volano o si riposano, in un ambiente che riproduce quanto più possibile il loro habitat naturale. L’evento, oltre a consentire ai visitatori di trascorrere una piacevole giornata all’aperto, darà voce a tutte le figure che in questi anni hanno contribuito a far crescere questa bella realtà, dai docenti Unitus, agli studenti che svolgono attività di tirocinio, tesi di laurea, part time studentesco e a tutti coloro i quali hanno contribuito alla progettazione e realizzazione di questo Orto Botanico. Non mancheranno laboratori rivolti ai più piccoli, che potranno costruire un BUGS HOTEL a partire da materiali di recupero o giocare a impersonare giovani entomologi.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI