Laurea in tempo di pandemia per la danzatrice viterbese Francesca Candy

La danzatrice e coreografa viterbese Francesca Candy si è laureata lo scorso 27 aprile con la votazione di 110 e lode in Didattica delle discipline coreutiche – Biennio specialistico di II livello, ad indirizzo danza contemporanea, presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Con l’elaborato “La danza in tempo di pandemia, ricerca teorico – metodologica sul ruolo della danza, in presenza e online, nell’educazione”. 

Lo studio affrontato dalla dott.ssa Francesca Candy si focalizza sulla valorizzazione dell’educazione al movimento come forma d’espressione della persona e come strumento valido sempre per la crescita, lo sviluppo e l’identità dell’essere umano e di quanto sia urgente integrarlo nella scuola e nella formazione. Si evidenzia anche di come le lezioni di danza online siano state un supporto emotivo importante in questo periodo storico.

«Per portare avanti questo lavoro complesso è stata fondamentale l’esperienza personale vissuta da marzo 2020 ad oggi con la mia scuola di danza, Armonia Danza sita in Vasanello, analizzando l’esperienza online, il ritorno in presenza e la seconda esperienza online. Inoltre ringrazio tutti i 258 allievi che hanno aderito al questionario d’indagine provenienti da scuole private, Accademia Nazionale di Danza, licei coreutici, Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala di Milano e Scuola di danza del Teatro dell’Opera di Roma. Sono stati fondamentali per avere uno sguardo ampio della situazione.» Poi aggiunge «Il distanziamento, le mascherine e il confinamento hanno generato limiti corporei, psichici e paura dell’altro da sé. Seguire le lezioni online è stato l’unico modo per continuare a muoversi insieme, per preservare quel legame con il danzare capace di creare uno spazio espressivo che vede il corpo come mediatore del mondo.» Dai dati emersi in questa ricerca gli allievi si sono sentiti aiutati e supportati nella dimensione umana. Rimanere attivi, fisicamente e mentalmente ha permesso di mantenere una connessione profonda con sé stessi e la propria interiorità, per superare il periodo di emergenza e non abbattersi. «Ora è fondamentale riprendere in presenza per ricostruire quel legame con il corpo e il movimento, necessario per sviluppare la propria personalità e ridare ai giovani, e non solo, lo spazio e il tempo per sognare.» conclude la danzatrice e coreografa viterbese.

L’ A.N.D è un istituto di Alta Formazione Coreutica del comparto AFAM del Ministero per l’istruzione, università e Ricerca (MIUR). Unico sul territorio nazionale al rilascio di titoli di diversi livelli nella didattica della danza, nell’interpretazione e nella composizione coreografica. Il biennio specialistico per l’insegnamento delle discipline coreutiche si propone di formare, nel contesto delle arti coreutiche, insegnanti di danza di elevato profilo professionale con competenze necessarie per intraprendere l’attività come docente di danza nella scuola pubblica e privata di ogni ordine e grado, in diversi contesti culturali e sociali.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI