La lottatrice di Sumo: Decarta incontra Giorgio Nisini

nisini

La lottatrice di Sumo è l’ultima fatica letteraria dello scrittore viterbese Giorgio Nisini. Un romanzo che parla del dubbio e la mancanza di certezze di un uomo che attraversa una tormentata storia d’amore. Al centro della storia c’è il ricordo di un amore scomparso e il ritrovamento di una tela abbandonata in cantina da anni.

Il protagonista è un fisico cinquantenne, Giovanni Cadorna, che ha raggiunto la fama grazie a un libro sulla possibilità della vita oltre la morte. E proprio per coincidenza una serie di eventi lo portano a rimettere in discussione il suo intero mondo. Inizia a dubitare delle proprie certezze in seguito al ritrovamento di un dipinto che lo costringe a fare i conti con il passato e il ricordo di una donna, morta tragicamente più di vent’anni prima. Decisivo, all’interno dell’intreccio, risulterà l’incontro con Olga.

Giorgio Nisini presenterà il suo ultimo romanzo a Viterbo nell’incontro con Decarta,  mensile di informazione non convenzionale, che si terrà venerdì 20 marzo alle 18 presso l’Hotel Salus Terme a Viterbo. Ad incalzare Nisini con domande e curiosità sarà Claudia Paccosi, curatrice della rubrica letteraria per il mensile Decarta.

Giorgio Nisini è uno scrittore e saggista italiano nato a Viterbo nel 1974. Nel 2008 pubblica il suo primo romanzo, La demolizione del Mammut con cui vince il Premio Corrado Alvaro opera prima e arriva tra i cinque finalisti del Premio Pier Vittorio Tondelli. Nel 2011 arriva il suo secondo romanzo La città di Adamo , storia di un imprenditore agricolo costretto a fare i conti con un’insidiosa ombra che grava sul passato della sua famiglia, viene selezionato tra i dodici finalisti della LXV edizione del Premio Strega. I due romanzi, insieme a La lottatrice di sumo (2015), compongono quella che l’autore ha definito “Trilogia dell’incertezza”. Nel 2011 ha fondato l’associazione culturale Officina Mente con cui ha realizzato i progetti “Lo Smontalibri”, insieme al giornalista Roberto Ippolito, “Lavorare con i libri, lavorare con le storie” e “Poetica”. Ha inoltre collaborato con i festival culturali Pordenonelegge.it, Piceno d’autore ed Emporio Letterario di Pienza. Dal 2015 è co-direttore artistico di Caffeina Festival e presidente del Premio Letterario Alvaro-Bigiaretti.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI