Inclusione nei musei: un bando di Fondazione Tim su disabilità sensoriali e percettive

Il bando è rivolto a soggetti sia pubblici che privati che non abbiano scopo di lucro e nasce per andare incontro a ogni tipo di difficoltà sensoriali, in particolare persone sorde e cieche (parziali o totali), sordocieche, sordomute e pluriminorate psicosensoriali. Come ricorda Fondazione Tim patrocinante, l’Italia è la nazione con il patrimonio storico artistico più ampio al mondo, con 4.889 musei e istituti similari, pubblici e privati. Ma tale ricchezza ha poco significato se non è supportata da strutture che la valorizzino, promuovendone l’accessibilità a tutti. La fondazione selezionerà progetti basati sull’innovazione, sollecitando nuove tecnologie come algoritmi di intelligenza artificiale, tecnologie immersive, stampa 3D, sistemi vocali, realtà aumentata e virtuale e percorsi multisensoriali e tattili. Il progetto selezionato riceverà un finanziamento fino a 300 mila euro per la sua realizzazione.
Informazioni su: www.fondazionetim.it

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI