Grest, serata finale a La Quercia con 350 bambini e 150 animatori

“Grazie a tutti, perché solo Insieme si può realizzare tutto questo” sono le parole di Don Massimiliano venerdi 29 giugno, a chiusura di una serata bellissima, di condivisione, gioia, amore. Peter Pan è stato il protagonista ed il tema dell’ambientazione del nostro Grest quest’anno, il bambino dal cuore puro che scopre di saper volare, e la nostra Basilica ieri sera è stata la splendida isola che non c’è, dove abbiamo dato approdo alle centinaia di persone intervenute. Qualcuno ha scritto che “le favole non insegnano ai bambini che i draghi esistono, perché questo i bambini lo sanno già. Insegnano che possono essere sconfitti”. E’ questo il significato più bello e profondo del Grest, venti giorni pieni in cui si sta insieme, si sorride, si litiga, si fa pace, si cade, ci si rialza…si vive…e la favola si rivela ancora una volta grande metafora della vita, per tutti, per i bambini di oggi e quelli di ieri. Una serata da incorniciare, con bambini ed animatori impegnati in balli, canti, scene, coreografie, a raccontarci, a manifestarci con i loro sorrisi, i loro abbracci, il loro essere autentici, quanto sia bella la vita con tutti i suoi colori. Abbiamo cantato insieme a loro, ci siamo emozionati nel veder volare quei palloncini lunimosi in aria riempiendo di magia il pezzetto di cielo sopra la Basilica, abbiamo sorriso quando sbagliavano i tempi o inciampavano, perché poi ricominciavano con un sorriso ancora più bello e ancora più grande…perché le favole ci ricordano anche questo, che per avere sempre un bel finale, l’importante nella vita non è non cadere mai, ma rialzarsi sempre! Grazie a tutti, ai collaboratori, che come ha ricordato ieri Don Massimiliano sono la vera anima della Parrocchia, ai 150 animatori, ai 350 bambini e alle loro famiglie, e a tutti coloro che hanno voluto essere presenti ieri sera! Ma il ringraziamento più grande è proprio per il nostro Don Massimiliano, che ci ricorda ogni giorno il significato della parola Insieme…”

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI