Grande Guerra: risolutiva la figura femminile

Un nuovo appuntamento in programma martedì 24 marzo nella Sala dei Cavalieri di Malta in Piazza Verdi a Viterbo, organizzato da Fidapa in collaborazione con associazione Nimpha ed il Club Inner Wheel, sul tema “La mobilitazione delle donne nella Grande Guerra”. Per scoprire la forza e il valore delle donne, nelle situazioni più difficili.
A spiegare l’apporto femminile nel primo conflitto mondiale sarà la d.ssa Rosanna De Marchi che, avvalendosi delle testimonianze rinvenute in numerosi documenti ,proposti nella conferenza, evidenzierà come il ruolo delle donne durante la prima guerra mondiale sia stato decisivo nella gestione delle famiglie e dei rapporti lavorativi.
Con gli uomini al fronte,saranno le figure femminili a svolgere le mansioni precedentemente ricoperte da padri, fratelli o mariti,impegnate, oltre che nella conduzione della famiglia, anche nella coltivazione delle terre, nei lavori in fabbrica sottopagati e con orari impossibili da reggere (fino a quattordici ore al giorno) o nei lavori usualmente maschili.
Nel corso dell’incontro,una parte significativa sarà dedicata alla figura delle portatrici carniche, così chiamate perché operarono lungo il fronte della Carnia, trasportando con le loro gerle, per oltre trenta-quaranta chilometri, rifornimenti e munizioni fino alle trincee dove combattevano i loro uomini, rischiando pure la vita.Relatrice insieme a Rosanna De Marchi sarà la d.ssa Barbara Roggio che parlerà delle “Ragazze del 99. Donne e Guerra nei monumenti ai caduti italiani.”Un momento di approfondimento e riflessione sul contributo femminile sull’esito della Prima Guerra Mondiale che mettono pure in luce le prime rivendicazioni di diritti proprio nello stesso periodo. Ingresso libero.Per informazioni:
Vincenzo Ceniti -Gruppo consolare di Viterbo del Touring Clubcell. 334.7579879 Carla Pepponi – Delegata Fidapa Sezione di Viterbo – cell. 347.5232892

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI