Global-Local: il nostro orizzonte vicino-lontano

Francesca Pontani

Il nostro essere nel mondo: vicino-lontano, il nostro orizzonte.
Questo il tema e filo rosso degli interventi della seconda edizione della “Festa dell’Arte” organizzata questa mattina dalla DISTU, Università degli Studi della Tuscia, presso l’Aula Magna di Viterbo.
Il nostro orizzonte è un destino? È una scelta? È una condanna?
Questo orizzonte è stato sempre superato: con la parola orale e con la parola scritta. Perché parola più immaginazione insieme producono qualcosa: dei frutti seminati nel passato che durano nel tempo e superano i confini.
L’imitazione nei tempi antichi non era una limitazione: prendere, imitare voleva dire riconoscere valore a quello che si imitava per creare qualcosa di nuovo; non si imita qualcosa di generico ma si imita qualcosa che ha una sua dignità e validità nel presente.
L’imitazione è una forma di dialogo: con il passato e con l’altrove.
Contrario di imitazione è rimozione, censura.
L’imitazione produce sempre cose nuove mentre è la censura che annulla.
E in questa visione la parola è un ponte, supera le frontiere. E ogni volta che affrontiamo (e superiamo) quella frontiera (di tempo, di genere, di spazio, ecc.) siamo più ricchi: ed è questa la chiave per capire e recuperare il passato.

In questo flusso di riflessioni e approfondimenti si sono svolti gli interventi dei relatori:
L’imitazione: quando il lontano si fa vicino, di Paolo Procaccioli
Annio da Viterbo: dalla tetrapoli viterbese alla storia universale, di Enrico Parlato
Urban Art portoghese a Roma, 2016, proiezione del video di Leonardo Meuti, a cura di Elisabetta Cristallini
Sulle rive dell’Eufrate, Gian Maria Di Nocera
Gli Etruschi sono tutti morti? L’Etruria nell’immaginario contemporaneo della Tuscia, di Marina Micozzi
L’avventura romana di Cola di Rienzo, a cura di Anna Modigliani
Saffo: da Lesbo a Leucade a Roma, di Salvatore De Vincenzo e Maddalena Vallozza.

Inoltre l’apertura delle mostre:
“Territori”, video installazione di Shaghayegh Sharafi, a cura di Patrizia Mania
“Global middle ages. Architettura scavata e pittura rupestre. Tra Oriente e Occidente” a cura di Elisabetta De Minicis, Marina Micozzi, Giuseppe Romagnoli,Maria Raffaella Menna,Paola Pogliani (aperta 9-18.00, dal 10 ottobre al 17 ottobre, escluso sabato e domenica).
Tuscia-Cappadocia-Georgia: complessi archeologici rupestri nella Tuscia di Viterbo e in Cappadocia. Tuscia e Asia centrale mostrano suggestive caratteristiche simili del luogo che ha caratterizzato un modo di vivere. Stesse condizioni geologiche di architettura in negativo che legano tra di loro territori lontani.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI