A Gallese per San Famiano sfilano le Zitelle

Un excursus storico e antropologico di una festa nella tradizione popolare della Tuscia che si lega ai festeggiamenti di San Famiano, patrono di Gallese e che si ripete oggi, quando alle ore 10.00 la processione dell’8 Agosto, sfilano davanti alla statua del Santo accompagnate dalla banda musicale città di Gallese , le “Zitelle” unite al corteo storico si dirigono dalla Cattedrale sino alla Basilica di san Famiano, dov e verrà celebrato il rito della santa Messa dal Vescovo Monsignor Romano Rossi.
Sicuramente un rito significativa e da vedere.
Le Zitelle Vestite con un abito particolare: un telo di stoffa di panno bianco (anticamente scotto di Gubbio) drappeggiato, formato da tante piegoline fermate con spilli da sarta, la vita cinta da un cingolo, simbolo della castità e nella mano destra una candela, simbolo della fede, il volto semicoperto da un velo bianco, vengono accompagnate da una Madrina.
Serie e composte sono consapevoli che già dal 1614 ogni anno le giovani ragazze di Gallese partecipano a queste processioni vestite come allora; e con fierezza si sentono un anello indispensabile adi una tradizione forse troppo poco conosciuta .
Fu per volontà testamentaria di Curtio Vanni che dal 1614 iniziarono a partecipare alle processioni di San Famiano e nel 1669 anche Domenico Colavani lasciò erede la Compagnia del SS. Rosario perchè “dotasse”, secondo la tradizione le “Zitelle” per conservarne il culto.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI