Gallerie degli Uffizi raddoppiati incassi rispetto al 2017

Uffizi Firenze

Firenze si conferma maestra nell’attrarre visitatori per la sua Arte. Il direttore tedesco Eike Schmidt firma un nuovo successo prima dell’annunciato ritorno a Vienna. Sono stati 4.152.101 i visitatori che nel 2018 hanno varcato le soglie dei musei che fanno parte delle Gallerie degli Uffizi di Firenze. I dati sono stati resi noti dal direttore Eike Schmidt che ha sottolineato come i risultati siano arrivati “grazie al nuovo biglietto stagionale”. Guardando agli incassi, nel 2018 i musei degli Uffizi hanno totalizzato 34 milioni di euro, cioè il 50,5 per cento in più dell’anno precedente. Il complesso museale fiorentino, che raccoglie la celebre galleria vasariana, la reggia medicea di Palazzo Pitti ed il giardino di Boboli, cresce del 6% rispetto al 2017 per quanto riguarda le presenze e del 50,5% per gli introiti.

E ora si guarda al futuro. Anzitutto alle celebrazioni dei 250 anni dall’apertura al pubblico degli Uffizi. Schmidt, a margine della presentazione del bilancio 2018, ha infatti spiegato che “è proprio nel 1769 che è stato aperto a tutti come primo museo nel senso moderno”.

E poi il Corridoio Vasariano. Per la presentazione del progetto di apertura, ha aggiunto il direttore, “è tutto pronto, ora è una questione di poche settimane per verificare quando i vari partecipanti possono essere presenti, ma è tutto pronto e tutto finanziato quindi non ha bisogno di ulteriori spinte”.

In crescita, i due profili social degli Uffizi: Instagram è a quota 241.541 followers (+149% rispetto al 2017; e il trend sta salendo ancora), qualificandosi come primo museo in Italia per seguaci ed engagement (interazioni degli utenti) e decimo al mondo sempre per engagement; Twitter viaggia a 29.499 followers (+33%), terzo museo al mondo per engagement su questa piattaforma. Molto presente sui media di tutto il mondo, il complesso museale nel 2018 ha ottenuto oltre 1.000 tra articoli e servizi sui media internazionali, guadagnando spazi su prestigiose testate quali Bbc, Cnn, New York Times, Wall Street Journal, Financial Times, Reuters, National Geographic, Le Figaro, El Pais, La Nacion.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI