Francesco Guccini a Viterbo con La Pioggia fa sul serio

Francesco Guccini

Solo chi ama veramente l’Italia, la può descrivere, narrandone le bellezze e i punti deboli allo stesso tempo. E’ ciò che faranno Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli domenica 22 febbraio alle ore 11,00 ospiti a Viterbo al Teatro San Leonardo, per Caffeina Festival e Archivio di Stato Viterbo. Intervistati da Fabio Stassi, i due autori presenteranno il loro romanzo “La pioggia fa sul serio. Storia di frane e altri delitti“.

Un giallo; ma allo stesso tempo un romanzo inchiesta che denuncia le incurie umane subite dai paesaggi italiani. Gli appennini bolognesi; luoghi dell’anima e della memoria. Un geologo e un architetto inglese vagano per i loro studi e le loro ricerce sul territorio e le architetture religiose di cui è ricca quella parte di Appennino. Siamo a Casedisopra, dove l’estate è finita e dove dopo una giornata di pioggia incessante, scompare il famoso geologo. Da quel giorno, una serie di aggressioni, turberanno la tranquillità del piccolo paesino, dove tutto sembra girare intorno all’Osteria di Benito; luogo dove tutti i forestieri e gli abitanti, approdano per un bicchierino servito dal cameriere marocchino Amdi. Ad indagare sulla scomparsa e sui troppi misteri, ci pensa il giovane maresciallo dei carabinieri Barnaba, aiutato in seguito dall’ispettore della Forestale Marco Gherardini, da tutti conosciuto come Poiana.

Tra le gole più profonde di questo paesaggio, che nel 400 i pellegrini usarono come sentiero e dove le montagne franano a valle, si nasconde una verità sorprendente a attuale.

Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli, si conoscono tanti anni fa, in una Bologna in pieno fermento, piena di Eskimo e di contestazioni giovanili. I due si frequentano, complice anche il teatro SanLeonardo che da ex Chiesa sconsacrata, trova sacralità quando Loriano e i suoi amici la eleggono fucina di cultura alternativa e loro tempio, e l’osteria da Vito, dove molti giovani dell’epoca si ritrovavano la sera ad affogare le delusioni e le idee incompiute. Partendo da un racconto, la storia di un prete che anni prima era stato ucciso sulle montagne di Pàvana, inizia la loro collaborazione letteraria. Nel 1997 esce “Macaronì, romanzo di santi e delinquenti” e visto il successo, l’anno dopo ci riprovano con “Un disco dei Platters, romanzo di un maresciallo e una regina”. Passano una decina di anni e pubblicano “Malastagione”  e “Appennino di sangue” del 2011.

Un Appennino Noir, narrato da due grandi artisti; uno grande cantautore della storia musicale italiana, l’altro scrittore giallista resosi noto col suo personaggio Sarti Antonio. Entrambe nati in queste terre dell’Appennino tosco-emiliano, dove, dopo una vita trascorsa nelle più grandi metropoli, hanno deciso di ritornare per vivere in tranquillità, seppur ne riconoscono dei grandi cambiamenti.

“La pioggia fa sul serio. Storie di frane e di altri delitti” Francesco Guccini – Loriano Macchiavelli   17,50 euro.

Gli autori saranno presenti il 22 Febbraio alle ore 11, al Teatro San Leonardo di Viterbo.

Ingresso 3,50 euro. E’ possibile acquistare i biglietti online, direttamente dal sito caffeinacultura.it . Il biglietto assicura il posto a sedere e i possessori del biglietto acquistato in prevendita, dovranno presentarsi al San Leonardo entro le ore 10:45. Oltre tale ora, non potrà esser garantita ne l’entrata ne il posto a sedere.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI