Federico Paris “In Acqua: H2O molecole di creatività”

Si scrive acqua ma si legge, vita, gioco, sacralità, ambiente, design, fotografia e moda. Così è nata “In Acqua: H2O Molecole di creatività la mostra in cui Federico Paris è presente con la sua opera “Fonte” alle Terme di Diocleziano a Roma. L’esposizione a cura di Stefano Dominella e Bonizza Giordani Aragno celebra l’acqua attraverso la creatività, l’haute couture e il made in Italy. L’inaugurazione si è svolta il 3 maggio e la mostra durerà fino al 12 giugno presso l’Aula Ottagona del complesso monumentale delle Terme di Diocleziano a Roma, un sito archeologico di rara bellezza, prestigioso per storia e per eleganza architettonica. L’opera del Paris è una fontana composta da due figure e delle stalattiti destrutturate in pixel/mosaico e sta destando moltissimo interesse tra i visitatori della mostra. La fonte del Paris non dispensa elisir di lunga vita, ne’ saggezza e neppure visioni del proprio futuro a chi si specchia nelle sue acqua, ma, come nella poesia di Palazzeschi rappresenta una fonte malata. Il Paris ci dà una visione di un rivolo d’acqua che scorre da delle stalattiti su due figure altamente destrutturate rese con la tecnica del mosaico in forma di pixel. È un’immagine priva di umanità dove l’acqua scivola su delle forme fortemente innaturali. Dunque la fonte primaria di vita inibita da figure che sono solo l’immagine approssimativa di noi stessi. Eppure l’acqua scorrendo mantiene la sua forza vitale, la sua energia… Quindi non è più l’uomo al “centro”, ma torna ad esserlo la natura o meglio questo elemento naturale. Qui viene il paradosso del Paris che per rendere omaggio all’elemento più naturale che esiste usa un linguaggio prettamente umano quello del digitale. L’opera è stata realizzata in collaborazione con Jan Incoronato, Stephanie Testa, e le studentesse dell’ University Studies Abroad Consortium (USAC) Eleanor Jolley, Nicole Phillips, Alexandra Mc Shane, Charlie Spietz.
Una mostra da vedere a Roma nell’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano che ospitava il Planetario, sarà aperta fino al 12 giugno.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI