Etruscan Life ,dopo la laurea sbocchi concreti

È stata presentata questa mattina la convenzione stipulata tra l’Università degli Studi della Tuscia, rappresentata dal rettore prof. Alessandro Ruggieri, la rete imprenditoriale Etruscan Life e la Fondazione Carivit, nella persona del presidente Mario Brutti.
Un progetto che coniuga da una parte le esigenze del mondo imprenditoriale della Tuscia, e le sue potenzialità nell’ambito del turismo e della cultura, e dall’altra l’esigenza, per i frequentanti l’ateneo, di ottenere dopo la laurea degli sbocchi concreti. “Noi riteniamo che la nostra offerta formativa debba essere sempre collegata al mondo del lavoro, in modo da fornire agli studenti delle prospettive importanti in termini di occupazione” ha esordito il prof. Ruggieri.
“Cerchiamo di creare dei percorsi che offrano ai nostri studenti opportunità di sbocco, soprattutto nel mondo imprenditoriale.
Tirocini, tesi di laurea, project working: studenti in gruppo che collaborano con una o più imprese per raggiungere degli obiettivi che sono coerenti con le competenze che hanno. In quest’ottica e grazie alla Fondazione Carivit, in collaborazione con Etruscan Life, una rete di imprese , abbiamo fatto partire un bando di concorso rivolto agli studenti del nostro ateneo, denominato “Una rete di impresa per la valorizzazione della Tuscia”.
A illustrare la rete Etruscan Life è intervenuta la presidente dell’associazione Tiziana Governatori. “E’ la prima rete di imprese della Tuscia, che raccoglie imprese operanti nel settore della ricezione, come strutture alberghiere, tour operator e società di servizi collegate, ed ha come scopo l’individuazione delle strategie pe migliorare lo status del territorio”. Scopo della collaborazione è focalizzare l’attenzione su possibili target a cui rivolgere la propria offerta, e le modalità attraverso le quali incrementare il flusso turistico nella Tuscia, che a torto non è ancora tra le prime mete turistiche italiane.
Gli studenti dovranno presentare un progetto di impresa per valorizzare il territorio, un cosiddetto “business plan” di marketing territoriale.
I progetti avranno una triplice ricaduta: oltre a fornire agli studenti partecipanti importanti crediti formativi, potranno essere utilizzati concretamente dalla rete. Inoltre, potranno vincere due borse di studio, di 400 e 600 euro, rispettivamente per la laurea triennale e per la magistrale.
Premi che saranno ulteriormente incrementati grazie all’apporto diretto della rete Etruscan Life.
I progetti dovranno essere presentati entro il 15 dicembre; le modalità del bando sono già on line sul sito dell’Ateneo.
La foto è di Donatella Agostini

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI